Burattini, un panorama pieno di dubbi: «Ristori insufficienti e ora molte categorie sono rimaste escluse»

Lunedì 12 Aprile 2021 di Maria Teresa Bianciardi
Giovanna Burattini portavoce dell associazione Baristi e Ristoratori Uniti

Giovanna Burattini, lei è portavoce dell’associazione Baristi e Ristoratori Uniti: come state vivendo queste settimane che vi separano dalla riapertura?

«Speriamo di tornare quanto prima in zona gialla, ma mi auguro si faccia più chiarezza anche rispetto ai protocolli anti Covid da utilizzare. Che non si arrivi insomma come l’anno scorso».

 

 
Cosa è accaduto?
«Il 18 maggio avremmo dovuto riaprire tutte le attività dopo il primo lockdown ma ci hanno comunicato le linee guida da osservare soltanto la notte precedente. Risultato: io sono riuscita a rimettermi in moto solo 20 giorni dopo e, come me, tanti altri».


Come è andata con il servizio di asporto e con le consegne a domicilio?
«È stata un’esperienza fallimentare e non solo perché l’Italia non è strutturata per questo tipo di attività: questo è un servizio che presuppone personale, forniture e macchinari. A stento si riesce a coprire le spese fisse. Per non parlare dei costi. Il packaging per l’asporto è proibitivo».


A cosa pensa quando sente parlare di riapertura?
«Al fatto che il nostro destino è legato a doppio filo con la campagna vaccinale».


E i ristori?
«Fino ad oggi, in oltre un anno di pandemia, sono stati insufficienti e intempestivi. Oltretutto con il nuovo decreto molte attività sono state escluse: qui l’unica garanzia resta il nostro lavoro ed è su quello che dobbiamo puntare».


Le Marche sono in zona arancione, molte attività hanno riaperto.
«Ci sentiamo un po’ il capro espiatorio della pandemia. Abbiamo investito in sicurezza per riuscire ad andare avanti. I negozi ora sono nuovamente operativi e invece noi siamo rimasti al palo».

 

 

Ultimo aggiornamento: 10:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA