Covid, balzo dei ricoveri nelle Marche: +16 pazienti in 24 ore, uno in terapia intensiva

Covid, balzo dei ricoveri nelle Marche: +16 pazienti in 24 ore, uno in terapia intensiva
​Covid, balzo dei ricoveri nelle Marche: +16 pazienti in 24 ore, uno in terapia intensiva
3 Minuti di Lettura
Domenica 2 Ottobre 2022, 18:42 - Ultimo aggiornamento: 18:44

ANCONA - Settembre si chiude con 18.666 casi Covid registrati nelle Marche, contro i 29.307 di agosto. Ma ottobre si apre con un balzo nei ricoveri ospedalieri: nelleultime 24 ore infatti sono saliti a 83 i pazienti positivi che hanno avuto bisogno di cure nei nosocomi della regione. Sedici ricoveri in più su ieri: 1 in terapia intensiva, 7 in semi intensiva, 75 in reparti non intensivi, secondo i dati  forniti dalla Regione Marche.

Aumentano i ricoveri Covid negli ospedali

I nuovi casi registrati sono 999 su 3.004 tamponi effettuati, mentre continua a crescere il tasso di incidenza cumulativo che è arrivato a 493,02 su 100mila abitanti (ieri 467,55).  Nove le persone in osservazione nei pronto soccorso con 8.330 persone in quarantena, di cui 64 sintomatici. E 17 sono operatori sanitari. Non ci sono stati per fortuna nuovi decessi, il totale delle vittime resta fermo a 4.113. 

I pediatri: «Vaccini e rivalutare le mascherine a scuola»

A quasi tre settimane dall'avvio dell'anno scolastico la presidente della Società italiana di pediatria (Sip) Annamaria Staiano - a fronte dell'aumento dei contagi proprio nei bambini in età scolare segnalato dall'Istituto superiore di sanità -, chiede anche di rivalutare la misura dell'obbligo di utilizzo delle mascherine nelle scuole. «Ci auguriamo una ripresa della campagna vaccinale in attesa che ci sia al più presto anche l'approvazione dell'Agenzia europea dei medicinali Ema per i vaccini per la fascia 6 mesi-5 anni».

 Rispetto poi alle mascherine, «certamente giocano un ruolo importante nel limitare il contagio, anche perchè in età pediatrica è comunque difficile mantenere un distanziamento. Al di sotto dei 5 anni la mascherina non è mai stata prevista, ma con la ripresa delle infezioni nella fascia in età scolare - afferma Staiano - attendiamo delle indicazioni in merito all'utilizzo dei dispositivi di protezione e penso che la misura delle mascherine a scuola dovrebbe essere rivalutata, anche se la vaccinazione resta l'arma più sicura per combattere la diffusione del virus».

© RIPRODUZIONE RISERVATA