Il segreto dei 48 Comuni Covid free nelle Marche? Vaccinazioni sopra il 70%. E in tre la percentuale supera l'80%

Lunedì 6 Settembre 2021 di Maria Teresa Bianciardi
Il segreto dei 48 Comuni Covid free nelle Marche? Vaccinazioni sopra il 70%. E in tre la percentuale supera l'80%

ANCONA - Con la vaccinazione che supera il 70% di media, toccando vette anche di 84,9%, 48 Comuni marchigiani resistono all’offensiva della variante Delta e rimangono saldamente Covid free. Si trovano per lo più nel Maceratese (13) e nel Fermano (12): ma anche in provincia di Pesaro 11 borghi hanno lasciato il virus fuori dalle mura, mentre nell’Anconetano ce ne sono sette e in provincia di Ascoli cinque. 

 
La mappa
Effetto profilassi, visto che la media dei residenti che ha effettuato almeno un ciclo di vaccinazione supera la soglia indicata per fornire uno scudo importante alla popolazione. Solamente in due casi si scende sotto il 60% dei vaccinati, a Castelsantangelo sul Nera (59%) e a Monte Cavallo (56,6%). Ma sono eccezioni. Tra i paesi con zero positivi anche Castelleone di Suasa, forte del suo 80,7% di vaccinati e Montefalcone, con l’84,9%. Ma c’è anche Rotella, piccolo centro di 800 abitanti, che ha registrato l’81,1% della popolazione sottoposta a profilassi. Anche Pietrarubbia, 602 residenti distribuiti in 13 km quadrati, ha registrato un alto tasso di vaccini, arrivando a 79,6% superando di pochissimo San Marcello in provincia di Ancona, con 79,4%. Un terzo dei Comuni marchgiani stanno opponendosi con forza alla ripresa dei contagi determinati soprattutto dall’alta capacità di infezione della variante Delta, in un momento in cui la curva dei positivi sembra scendere nelle Marche. Ieri per esempio erano 139 i casi accertati nell’ultima giornata di tamponi, con un tasso di incidenza di 68,06 su 100mila abitanti. Il giorno precedente era di 68,60. 


Il report giornaliero
Alto il numero dei tamponi complessivamente analizzati, 5.234, di cui 3.935 del percorso diagnostico screening (i positivi sono il 3,5%) e 1.299 del percorso guariti. I nuovi casi comprendono 25 soggetti sintomatici, 46 contatti domestici, 39 contatti stretti di positivi, 4 contatti in ambiente di vita/socialità, 2 contatti in setting lavorativo, 2 casi extra regione, mentre per 25 casi sono in corso approfondimenti epidemiologici. Aumentano le persone ricoverate negli ospedali regionali: ieri erano 82 (+2 ), di cui 22 in terapia intensiva, dato invariato rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore c’è stato un nuovo decesso, quello di una 73enne di Macerata, con patologie pregresse, deceduta a San Benedetto, che porta il totale delle vittime da inizio pandemia a 3.052. 


Il nuovo decreto
La provincia di Pesaro Urbino ha il maggior numero di casi, 44, seguita da Macerata con 30, Fermo con 25, Ascoli Piceno con 16, Ancona con 14, oltre a 10 casi fuori regione. Sono 6 le persone nei pronto soccorso (non considerate tra i ricoverati) e 43 gli ospiti di strutture territoriali. I positivi alla data di oggi sono 3.507 (+21), di cui 3.424 in isolamento domiciliare. Le persone in quarantena scendono da 4.576 a 4.548. E comincia oggi una settimana cruciale per le norme anti-Covid, in vista di un nuovo imminente decreto che sarà varato per la ripresa a pieno ritmo delle attività produttive: a metà settimana, probabilmente giovedì, si terrà una cabina di regia per portare avanti l’obbligo del certificato verde cominciato il 6 agosto scorso con ristoranti, bar e cinema. Estensione che dovrebbe entrare in vigore all’inizio di ottobre e potrebbe coinvolgere i dipendenti della pubblica amministrazione, tutti gli esercenti per i cui clienti è previsto l’obbligo di green pass, ma anche per gli autisti dei mezzi adibiti al trasporto pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 09:44 © RIPRODUZIONE RISERVATA