Arpam, cambio al vertice: Mariotti va in pensione, tra i candidati c’è anche Coacci. Ma ecco tutti i nomi in lizza

Piergiuseppe Mariotti, direttore uscente dell Arpam
Piergiuseppe Mariotti, direttore uscente dell’Arpam
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Giugno 2022, 08:09

ANCONA  - A poco più di sei mesi dal suo insediamento, il direttore generale dell’Arpam Piergiorgio Mariotti andrà in pensione e per la sua poltrona hanno fatto domanda 22 candidati, 21 dei quali giudicati idonei al ruolo. Nell’elenco di nomi arrivato agli uffici della Regione, c’è anche quello di Milco Coacci, noto alla sanità marchigiana per essere stato il direttore “meteora” dell’area vasta 2 di Ancona per un mese nel 2019.

Poi, nel 2020, è diventato direttore amministrativo dell’Arpa Umbria, dunque ha incamerato conoscenze in materia. Con lui nella rosa di candidature, il dirigente regionale Massimo Sbriscia, che al momento guida il settore Fonti energetiche, rifiuti, cave e miniere all’interno del dipartimento Infrastrutture, territorio e protezione civile.


Mariotti aveva assunto l’incarico ad interim di dg dell’Arpam il 1 dicembre 2021, succedendo a Giancarlo Marchetti che nel frattempo era andato in pensione. Era stato già stabilito che la sua fosse una nomina a tempo determinato, benché il diretto interessato sarebbe stato ben disposto a restare. Ex capo del servizio Risorse umane e strumentali a Palazzo Raffaello, aveva perso il posto nelle maglie della riforma della macchina amministrativa approntata dalla giunta Acquaroli: il servizio è infatti confluito nel dipartimento della Programmazione integrata, Ue e risorse finanziarie, umane e strumentali che fa capo a Maria Di Bonaventura. Come “buen retiro”, gli era stato offerto l’incarico di dg dell’Arpam che ora però sta andando in scadenza.

«L’avviso di selezione pubblica per il conferimento dell’incarico di direttore generale dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale delle Marche - si legge nel decreto 344 con cui la Regione ammette, con riserva, i candidati al colloquio di valutazione -, è stato approvato con delibera di giunta regionale n.534 del 9 maggio,, con data di scadenza il 24 maggio 2022». In risposta all’avviso sono pervenute a mezzo pec 22 istanze, di cui 21 ammissibili ed una non ammissibile, in quanto giunta oltre il termine perentorio di scadenza». La scelta da parte della giunta arriverà nel giro di due settimane al massimo..


Gli altri nomi candidati al ruolo sono quelli di Maurizio Avagliano, Bruno Barbera, Vito Belladonna, Daniele Bonifazi, Giorgio Catenacci, Roberto Ciccioli, Rossana Cintoli, Luigi Cossentino, Luciana Di Croce, Massimo Marcheggiani, Andrea Monsignori, Marco Passarelli, Brigitte Pellei, Mario Petrin, Luca Proietti, AngeloRobotto, Giuseppe Scauda, Antonio Tisci e Nicola Zizzi. «L’avviso pubblico - prosegue il decreto - prevede che i candidati, ammessi alla selezione, siano sottoposti ad un colloquio di valutazione, teso a verificarne le competenze professionali/manageriali e le esperienze acquisite».

© RIPRODUZIONE RISERVATA