Fano-Grosseto si riparte, un miliardo
per terminare la strada entro il 2020

Fano-Grosseto si riparte, un miliardo per terminare la strada entro il 2020
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Settembre 2015, 16:47 - Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 13:23

ANCONA - Fano-Grosseto, si riparte per la realizzazione della strada dei due mari.

E' emerso dall'incontro tra il vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini, il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli, l'assessore ai lavori Pubblici infrastrutture e Trasporti della Regione Umbria Giuseppe Chianella, i tecnici di Anas e il presidente di ‘Centralia’ Guido Perosino sulla Fano-Grosseto.

Dopo che Anas ha escluso che il contratto disponibilità possa essere utilizzato dalla società pubblica di progetto per l'affidamento della realizzazione e gestione dell'opera ed essendo contestualmente venuto meno un contraente generale che si era promosso come soggetto promotore, si è convenuto di lavorare con urgenza, trattandosi di opera prioritaria e strategica per l'Italia centrale, sulla revisione della progettazione della Fano-Grosseto per rendere l'opera realizzabile nei tempi più brevi possibili.

L'investimento previsto, per il nuovo tracciato, è di circa un miliardo e prevede: interventi di ammodernamento del tratto, limitando al massimo la realizzazione di nuove infrastrutture viarie impattanti per il territorio e il compimento con raddoppio della galleria della Guinza. La progettazione, affidata ad Anas, sarà pronta entro l'anno e verrà inserita nel piano quinquennale Mit-Anas 2016 2020 con realizzazione prevista entro il 2020.

Nel corso della riunione di questa mattina si è anche istituito un tavolo tecnico con le Regioni coinvolte, ministero e Anas per la redazione di un accordo di programma quadro che prenda in esame non solo questa direttrice ma anche tutte le opere viarie per l'efficientamento delle stesse.

© RIPRODUZIONE RISERVATA