Il 26 si formerà un ciclone
Poi una pausa, ma breve

Martedì 24 Dicembre 2013
Il 26 si formerà un ciclone Poi una pausa, ma breve
ROMA - Le previsione di Edoardo Ferrara, meteorologo di 3bmeteo.com, confermano che la perturbazione pi violenta di questo inizio inverno alle porte. Il 27 migliora, ma sar solo una breve pausa. “Si conferma l'arrivo di una intensa ondata di maltempo sull'Italia tra Natale e Santo Stefano. È allerta meteo in particolare per il Nord e i versanti tirrenici” avverte Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com . "Già nelle prossime ore saranno in arrivo piogge al Nord e Toscana, con nevicate sulle Alpi mediamente oltre 700-1200 m - spiega l'esperto -. Ma sarà da Natale che il maltempo entrerà nel vivo, con fenomeni anche molto intensi in particolare su Liguria, Piemonte, alta Lombardia, Trentino Alto Adige, alto Veneto e Friuli Venezia Giulia, dove attendiamo punte di oltre 80-100mm con possibili allagamenti".



Piogge e temporali avanzeranno pure su Sardegna, Toscana, Umbria, Lazio, specie in serata, anche qui con rischio di fenomeni violenti. In attesa Medio Adriatico e Sud con primi fenomeni solo a fine giornata.





“A Santo Stefano si formerà un ciclone proprio sull'Italia - prosegue Ferrara di 3bmeteo.com - con maltempo generalizzato su tutto il Paese e forti temporali che spazzeranno anche il Sud e in particolare Campania, Calabria e Sicilia, dove saranno possibili grandinate e raffiche di vento. Tanta pioggia anche su Lazio, Toscana, Umbria e ancora al Nord, specie Lombardia e Triveneto. Piogge in genere più deboli invece sulle coste del Medio Adriatico, ma pure al Nordovest e in Sardegna, dove il tempo tenderà lentamente a migliorare da Ovest. Attenzione al vento, che soffierà forte dapprima da Sud, poi da Ovest con raffiche di oltre 70-80km/h e violente mareggiate”.



Sarà un bianco Natale per le Alpi, con copiose nevicate mediamente oltre i 1000-1200m, ma anche più in basso sulle Alpi occidentali. Attesi accumuli fino a un metro di neve fresca oltre i 1500m, anche superiori al di sopra dei 2000m. Tanta neve dunque in località come Sestrière, Cervinia, Madesimo, Madonna di Campiglio, Lussari, con accumuli variabili tra i 70 ed 120cm. Sicuramente un'ottima notizia per gli amanti degli sport invernali, che proprio per le Feste potranno contare su un perfetto innevamento alpino. Per Santo Stefano la neve arriverà pure lungo tutto l'Appennino, a partire da quello settentrionale, ma anche sui rilievi di Sardegna e Sicilia, mediamente oltre 1000-1500m.



“La tempesta di Natale ha già messo in ginocchio il Nord-Ovest Europa - concludono da 3bmeteo.com - Gravi disagi si segnalano su Irlanda, Regno Unito e sulle regioni affacciate al Canale della Manica a causa della combinazione dei forti venti con le piogge torrenziali. Le raffiche hanno raggiunto i 170 km/h sulle Highlands scozzesi, 140 km/h sulla Bretagna e sulle coste olandesi, 130 km/h sull'Irlanda. Raggiunti i 90 km/h a Londra, Dublino e Parigi, 112 km/h ad Amsterdam".



Si segnalano inoltre gravi disagi all'intero sistema di trasporto, con numerosi voli cancellati nell'aeroporto londinese di Gatwick. Seriamente compromesso il traffico ferroviario nel Sud dell'Ingilterra, a causa della caduta di alberi e allagamenti. Nel Nord Ovest della Francia oltre 90.000 persone sono rimaste senza energia elettrica a causa di un blackout elettrico. Ultimo aggiornamento: 15:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA