Marche, la Lega accelera sui tesseramenti. Il commissario: «Assemblea regionale con Salvini»

Mercoledì 2 Febbraio 2022 di Maria Teresa Bianciardi
Riccardo Augusto Marchetti, commissario regionale Lega

ANCONA - Una campagna di tesseramento «massiva nelle Marche, con il supporto di tutti i militanti» e un’assemblea regionale fissata a fine marzo con tutti gli iscritti e gli eletti alla presenza di Matteo Salvini. È questa la rotta indicata dal commissario regionale della Lega, Riccardo Augusto Marchetti, subito dopo la chiusura dei lavori del consiglio federale del partito. 

 
Il dibattito
«È stato un incontro molto lungo, un momento importante di confronto - ha raccontato Marchetti - e con Salvini abbiamo deciso proprio di partire dal territorio. Come? Con un piano strutturato per aumentare i tesseramenti attraverso l’impegno dei militanti ma anche con gazebo e volantinaggi, seppure il Covid abbia pesantemente frenato i lavori del partito».

Nonostante ciò un paio di mesi fa il commissario regionale ha avviato un confronto diretto con tutte le sezioni marchigiane, con gli iscritti ed i militanti con l’obiettivo di organizzare in primavera un’assemblea dove sarà invitato anche il leader della Lega: «Sarà un momento importante a cui parteciperanno anche tutti gli eletti : ho deciso di attendere la fine di marzo nella speranza di riuscire ad incontrarci tutti in presenza».

Sul futuro del centrodestra Marchetti si sbilancia: «Il percorso obbligato sarà quello di una revisione nel profondo. Il centrodestra così come è stato nella Seconda Repubblica ormai non esiste più: va riformato con capisaldi nuovi e chi ci vuole stare sarà il benvenuto, gli altri prenderanno strade diverse. La Lega continuerà a lavorare per questo progetto a cui ha sempre creduto». 


Gli obiettivi
Dalle Marche a Roma: il consiglio federale ha dato mandato a Salvini di lavorare per creare, allargare e potenziare un’alleanza alternativa alla sinistra. «Nel corso della riunione abbiamo ribadito il no a nuove tasse e a nuove restrizioni e alla necessità di un decreto urgente per aiutare famiglie e imprese col pagamento delle bollette di luce e gas - continua il commissario Marchetti -. Queste sono le vere emergenze da cui non si può prescindere».

Nello specifico: no a nuove tasse sulla casa e alla riforma del catasto; no a nuove restrizioni e - in tema di Dad a scuola - nessuna differenziazione tra bimbi vaccinati e non vaccinati. Sì invece ad un impegno più concreto per la difesa dei confini e la lotta all’immigrazione clandestina. «La Lega è entrata nel governo con convinzione e convintamente ci resterà - conclude Marchetti - per stabilire riforme e norme, necessari ripartire con concretezza e determinazione». L’obiettivo a breve termine: entro febbraio il partito punta ad avere - anche nelle Marche - più iscritti di tutto il 2021.

© RIPRODUZIONE RISERVATA