Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Anello della Pecorara, itinerario di 3 ore per uno sguardo insolito sulle Marche viste dal monte Conero

Una suggestiva immagine al tramonto di Monte Colombo e sullo sfondo del Monte Conero
Una suggestiva immagine al tramonto di Monte Colombo e sullo sfondo del Monte Conero
di Saverio Spadavecchia
4 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2022, 08:00

ANCONA - Una passeggiata alla scoperta degli scorci offerti dal parco naturale del Conero, per ammirare il verde e le montagne di uno dei luoghi più iconici delle Marche. A parte il Conero stesso, alcuni rilievi degni di nota sono, da nord a sud il monte Altavilla, monte Venanzio, monte dei Corvi, monte Zoia (Poggio), la collina di Massignano, monte Larciano, monte Colombo e, verso l’interno, l’altopiano della Gradina.

Le giornate limpide
Nelle giornate particolarmente limpide da Pian di Raggetti, radura situata al centro dei boschi del Monte, si può osservare tutta la regione, dal Monte Catria nel pesarese ai Sibillini nell’ascolano, e a volte Laga, Gran Sasso e persino Maiella. Negli affacci sul mare invece si possono vedere, in condizioni di tempo limpido, i monti della Croazia. Nelle campagne le piante più comuni, perlopiù in filari e siepi, sono roverella, olmo campestre, pioppo nero, acacia e rovo. Con le trasformazioni più moderne sono stati trascurati gli arbusti da siepe come la spina di Cristo e la tamerice, e sono persino scomparse molte querce da ghianda monumentali, poi protette da una legge regionale. Fra i mammiferi ci sono il tasso, la volpe, il riccio, mustelidi come la faina, la donnola e la puzzola, e piccoli roditori come il moscardino. A questi vanno aggiunti l’istrice, il capriolo e lo scoiattolo, arrivati per espansione spontanea del loro areale anche grazie all’istituzione del Parco e alle conseguenti leggi di tutela della fauna.


Il centro dell’anello
Il centro di questa escursione sarà l’anello della Pecorara (con un punto di partenza non troppo distante da Sirolo), che porterà gli escursionisti all’interno dei un mondo fatto di colline gentili, monti all’orizzonte ed una natura capace di entusiasmare con ampi affacci sul mare Adriatico. L’inizio è piuttosto semplice, con la partenza nei pressi della Acanto country house. L’inizio è caratterizzato da una strada sbrecciata circondata dalle fronde della vegetazione ed un sottobosco piuttosto fitto. Una passeggiata che permetterà di ammirare poi una vegetazione diversa, meno fitta, perfetta per offrire gli scorci di campagna tipici della zona del Conero. Una giornata serena permetterà di vedere chiaramente città e borghi poco distanti, apparentemente lontani da una zona di fatto lontana dai rumori quotidiani della città. Il percorso è facilmente riconoscibile, segnalato e di facile percorrenza anche per i non esperti. Il percorso può essere anche affrontato a cavallo o mountain bike, ma la scelta di passeggiare a piedi è quella certamente più adatta per respirare una natura gentile. Dopo circa tre ore di cammino il viaggio si concluderà incrociando nuovamente il punto di partenza. Come sempre è buona pratica affrontare l’escursione con tutte le necessarie precauzioni per evitare possibili ed imprevisti cambiamenti climatici: abbigliamento adatto, scarpe idonee e una cartografia aggiornata per evitare di rimanere sorpresi durante l’escursione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA