Terza corsia Sud in A14: ufficiale il tavolo tecnico tra Regione e Autostrade. Baldelli: «Si valuteranno anche percorsi alternativi»

Sabato 17 Luglio 2021 di Andrea Taffi
Terza corsia Sud in A14: ufficiale il tavolo tecnico tra Regione e Autostrade. Baldelli: «Si valuteranno anche percorsi alternativi»

ANCONA - Se una lunga strada è composta di tanti piccoli passi, quello che la Regione Marche ha fatto ieri è un bellissimo, piccolo passo: è vicinissima all’ufficialità infatti, l’istituzione del tavolo tecnico con Ministero delle Infrastrutture e Società Autostrade per lo studio della terza corsia dell'A14 da Porto Sant’Elpidio verso Sud. In questo caso parlare di lunga strada può essere fuorviante. 

Saltamartini: «Se cresce il rischio inevitabili le restrizioni. Un milione di prime dosi a fine mese: caccia ai 300mila che mancano»

 
La strada lunga e larga
Diciamo meglio: oltre che lunga, si spera che la strada sia soprattutto larga. Questo perché si valuteranno le varie ipotesi progettuali, se ampliare cioè l’area dell’attuale tracciato o trovare nuovi percorsi alternativi, sempre con il coinvolgimento di tutti i rappresentanti dei territori coinvolti e facendo tesoro delle varie esigenze per inserirle poi in un quadro complessivo e il più ampiamente condiviso da tutti. Per l’assessore regionale alle Infrastrutture Francesco Baldelli è un passaggio particolarmente speciale. Lo scorso marzo si sentì rispondere a Roma che in tema di terza corsia Sud della A14 non c’era nessuno studio avviato dopo che a gennaio Aspi non aveva messo nel piano triennale la fattibilità e l’allora ministro De Micheli aveva invitato la concessionaria ad avviare subito la fattibilità. «Servono impegni scritti - mormorava sconsolato Baldelli a marzo - mentre le parole volano via con il vento». 


Il risultato tangibile
Lo stesso Baldelli oggi porta a casa un risultato il cui peso sarà tutto da valutare nel tempo. Ma intanto è un traguardo che ha un senso tangibile dopo una tessitura di mesi. Soprattutto dopo quello spiazzante atterraggio. «È un risultato importante - sottolinea l’assessore di Pergola - che ci ripaga dell’intenso lavoro svolto negli ultimi mesi. Sono fiducioso che saremo in grado di inaugurare una stagione intensa di iniziative concrete finalizzate a modernizzare una delle infrastrutture più importanti della dorsale adriatica, ormai obsoleta e superata dai tempi, come dimostrano i gravi disagi di questi ultimi anni. Un percorso che potrà contare anche su partecipazione e coinvolgimento delle istituzioni locali e dei soggetti più rappresentativi dei territori, tra cui ordini professionali e associazioni di categoria».


Il lavoro di squadra
Il particolare da sottolineare è che l’obiettivo è stato raggiunto in comune con le altre altre regioni adriatiche con cui da subito Acquaroli ha firmato l’intesa sul punto specifico. «Il tavolo tecnico – ha aggiunto Baldelli – è figlio della nostra visione complessiva delle infrastrutture delle Marche ed è un passo decisivo per passare dalle parole ai fatti interrompendo il corto circuito tra istituzioni e territori che, in passato, ha colpevolmente frenato lo sviluppo infrastrutturale della nostra regione. Insieme a Ministero, Società Autostrade e le Regioni Abruzzo, Molise e Puglia – e alle quali si potrà aggiungere anche l’Emilia Romagna ad esempio sui temi ferroviari – avremo la straordinaria opportunità di cambiare metodo di lavoro e confronto, cessando di correre di continuo dietro all’emergenza e iniziando, invece, a pensare in prospettiva e programmare interventi strutturali nel medio-lungo periodo». Al tavolo tecnico si discuterà, non solo del cronoprogramma dei cantieri di manutenzione autostradale, ma anche di progetti per realizzare infrastrutture innovative in grado di facilitare l’accesso all’A14 e ridurre, al tempo stesso, l’impatto ambientale sui territori, come ad esempio i nuovi svincoli autostradali altamente automatizzati e i parcheggi di interscambio.


La svolta storica
«L’istituzione formale del tavolo tecnico – conclude Baldelli - è una svolta ‘storica’ per le Marche, che possono così pianificare, insieme a Ministero, Autostrade e ai territori coinvolti, interventi sostenibili dal punto di vista ambientale e all’altezza del tessuto produttivo di una regione che, non dimentichiamolo mai, è orfana da decenni di una visione complessiva delle infrastrutture che la Giunta Acquaroli ha iniziato a disegnare fin dall’inizio del suo mandato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 15:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento