Giornata delle Marche: premiati i professori Saverio Cinti e Stefano Papetti

Giornata delle Marche: premiati i professori Saverio Cinti e Stefano Papetti (nella foto)
Giornata delle Marche: premiati i professori Saverio Cinti e Stefano Papetti (nella foto)
di Maria Teresa Bianciardi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Dicembre 2022, 03:30

ANCONA “La sanità che cambia, più vicina ai cittadini e ai territori”: la 18esima edizione della Giornata delle Marche quest’anno diventa l’occasione per definire la rotta della giunta Acquaroli, raccontare i traguardi raggiunti e gli obiettivi prossimi, alla presenza del ministro alla Salute, Orazio Schillaci. L’appuntamento è sabato 10 dicembre al Teatro dell’Aquila di Fermo, si svolgerà in presenza ma potrà essere seguito anche in streaming.

Il programma

Dopo i saluti iniziali del sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro e quello del presidente del Consiglio regionale Dino Latini, il programma prevede la proiezione del filmato “Un anno speciale per le Marche”, a cui seguiranno gli interventi del vice presidente della Regione e assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini e dell’assessore alle Infrastrutture Francesco Baldelli. Subito dopo il colloquio con il governatore Acquaroli e il ministro Schillaci. Momento clou dell Giornata delle Marche la consegna del Picchio d’oro 2022 al professor Saverio Cinti, professore emerito di Anatomia Umana dell’Università Politecnica delle Marche, impegnato in ambito europeo in progetti di ricerca legati all’insorgenza dei tumori e di altre gravi patologie. Mentre verrà consegnato al professor Stefano Papetti il premio del Presidente della Regione Marche. Papetti è docente di Museologia e Restauro presso l’Università degli Studi di Camerino: curatore scientifico delle Collezioni Comunali di Ascoli Piceno, si occupa dello studio dell’arte marchigiana rinascimentale e barocca, organizzando esposizioni in Italia e all’estero.

Istituita nel 2005

«La sanità - ha spiegato il presidente Francesco Acquaroli - rappresenta una delle sfide più importanti dell’amministrazione che guido. Abbiamo approvato poche settimane fa la riforma degli enti sanitari, dopo quasi 20 anni, ed ora stiamo riscrivendo il piano socio sanitario, strumento indispensabile per costruire un modello sanitario adeguato ai tempi che viviamo, in cui l’offerta sarà costruita in base allo studio dei fabbisogni e la medicina del territorio verrà rafforzata. Le esigenze dei nostri cittadini devono prevalere su tutto». Istituita con legge regionale 1 dicembre 2005, la Giornata delle Marche è un momento importante per consolidare il proprio senso di appartenenza, valorizzando risorse, opportunità ed eccellenze anche dei marchigiani all’estero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA