Ginnastica in vigna nelle Marche, l’ultima frontiera dell’outdoor. In forma con i movimenti tradizionali di chi cura la vite

Venerdì 4 Giugno 2021 di Veronica Angeletti
Il wine trainer Piero Viola nella vigna di Montemaggiore al Metauro

MONTEMAGGIORE AL METAURO - Il benessere passa dallo sport e dall’ottimo vino. Anche le Marche, fanno parte delle poche regioni italiane dove il fitness si pratica anche tra i grappoli. Questa volta non si tratta di wine trekking ma della “ginnastica del vignaiolo”.

Vaccino anti Covid per tutti nelle Marche: sabato aprono le prenotazioni per la fascia 12-39 anni. Ecco come prenotarsi

Caccia, la decisione sul calendario venatorio rinviata: in attesa del parere delle Marche sulle zone di confine

 
La messa in forma
Si basa sui movimenti tradizionali adoperati da chi cura le vite ed è l’ultima frontiera dell’outdoor. Associa l’esercizio fisico e la passione per l’enologia e si pratica accompagnati dal “personal wine trainer” che, schede alla mano, applica un programma di messa in forma partendo dal lavoro tra i filari un programma, mentre un sommelier si occupa della mente e racconta profumi e sapori del terroir. Il bello è che questo volta la cantina ha davvero le porte aperte a tutti poiché questa ginnastica è adatta a grandi, ai molto maturi e pure ai piccini.

«Si tratta di esercizi in serie – spiega Piero Viola dell’Asd “La Fenice” di Sassocorvaro - che mirano ad un allenamento ispirato alle attività quotidiane di chi di solito lavora nelle aziende viti-vinicole. Il tutto senza attrezzi ma solo con piegamenti, torsione, semplici movimenti di allungamento, a carico naturale che consentono al corpo di entrare in simbiosi con la natura». Laureato in Scienze motorie ad Urbino con un master in rieducazione posturale e chinesologia a Pescara ha fede nello sport declinato in un ambiente naturale e sereno e vede in questa proposta un canale per coinvolgere tanti suoi giovani collaboratori ostacolati quest’anno dal fermo delle palestre per colpa della pandemia.


La vinosofia
Ad invitarlo nel progetto è stato Ivan Filanti, sommelier che si muove in una dimensione di “vinosofia” che spazia dagli abbinamenti al wine-massage e al wine-training. «L’obiettivo è prima di tutto il benessere – commenta - . Mettersi in forma in un contesto naturale dove il prodotto è frutto del tempo e del ritmo scandito dalla natura. Qui l’allenamento non solo va a dare benefici ai muscoli ma allenta le tensioni fisiche in un periodo dove in tanti hanno perso la mobilità a causa della vita sedentaria, dello smart working e aiuta a trovare delle soluzioni a problemi psicologici ed anche emotivi. In pratica – conclude – è una connessione che si fa con la natura dal punto di visto fisico, spirituale ed olfattivo».


Il fitness del wine si fa su prenotazione e si svolge nelle giornate del 24 giugno, 22 e 29 luglio e 19 agosto ovviamente all’aperto. La palestra-vigna dove si declinano i movimenti della vita tra i filari è la cantina di Cesare Mariotti e si trova a Montemaggiore al Metauro. In pratica a una ventina di chilometri dal lido di Fano. «Un’ottima alternativa anche per i turisti e a chi non vuole fare sport in un ambiente chiuso soprattutto durante la stagione estiva. Di fatto – aggiunge Piero Viola - la nostra palestra di Sassocorvaro è solita organizzare anche delle sedute di allenamento sulle rive del lago artificiale di Mercatale». Alla differenza che qui, la seduta si conclude con una degustazione guidata.

Ultimo aggiornamento: 15:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA