Fabio Ridolfi, dopo l'appello arriva il via libera al suicidio assistito: «Il suo caso rientra nei parametri»

L'Associazione Luca Coscioni rende noto che il parere del Comitato Etico Regione Marche si è espresso a favore dell'aiuto medico alla morte

Giovedì 19 Maggio 2022
Suicidio assistito, dopo l'appello di Fabio arriva il via libera: «Rientra nei parametri»

Per Fabio Ridolfi arriva il via libera al suicidio assistito da parte del Comitato Erico regione Marche. Un'ottima notizia per il 46enne che ieri, mercoledì 18 maggio, ha lanciato un appello per il suicidio medicamente assistito, visto che sono 18 anni che è imobilizzato a letto per una patologia irreversibile.

LEGGI ANCHE 

Fabio Ridolfi, 46 anni, chiede il suicidio assistito: «Lo Stato mi aiuti a morire». E' il terzo caso nelle Marche

 

 

A rendere nota la notizia è stata l'Associazione Luca Coscioni, che ha riportato il parere del Comitato Etico Regione Marche: «Ridolfi rientra nei parametri stabiliti dalla Consulta nella sentenza Cappato-Dj Fabo per potere accedere all'aiuto medico alla morte»

 

L'associazione rende noto che «è il secondo italiano dopo 'Mario' ad avere ottenuto il via libera per l'aiuto al suicidio». Il parere risale all'8 aprile, ma è stato recapitato a Fabio solo dopo l'appello e «nulla dice sulle modalità e sul farmaco da usare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA