Curti e Mastrovincenzo da Letta. Altre ipotesi per la segreteria Marche del Pd. Ecco chi ha declinato e chi potrebbe essere in corsa

Enrico Letta
Enrico Letta
3 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Novembre 2021, 08:00

ANCONA - Verrebbe da chiedersi se faranno il viaggio insieme, Augusto Curti e Antonio Mastrovincenzo, probabili candidati al prossimo congresso del Partito Democratico delle Marche. Ma essendo diverse le provenienze non ci sono margini per darsi un passaggio reciprocamente. In compenso fisseranno la stessa meta nel navigatore: l’appuntamento è fissato per le 11.30-12 al Nazareno dove c’è il secondo incontro con la segreteria nazionale del partito: stavolta partono solo Curti e Mastrovincenzo a differenza della scorsa settimana quando le delegazioni dei due candidati hanno ascoltato Enrico Letta e poi hanno presentato le rispettive posizioni alla presenza del coordinatore della segreteria Meloni. 


L’invito del segretario
Il segretario nazionale ha invitato i dem marchigiani a percorrere qualunque strada per arrivare ad una candidatura unitaria, anche meglio se donna, benché al momento questo identikit appaia una sorta di miraggio. Se si dovesse fallire nell’intento e, quindi, procedere con le Primarie, il segretario ha specificato che dovranno essere adottati comportamenti leali, non trasformare la consultazione in uno scontro sopra le righe che nuocerebbe gravemente a tutto il partito. Letta ha anche aggiunto che avrà un occhio di riguardo per le Marche, perché vuole un pronto riscatto alle prossime Regionali. 


Il posticipo della scadenza
Nel frattempo venerdì scorso la presidente del Pd Marche Silvana Amati ha ufficializzato il posticipo della data di scadenza per la consegna delle candidature dal 20 al 27 novembre come da indicazione del nazionale. La vigilia è stata tranquilla e come da indicazione del Nazareno ci sono stati anche dei tentativi di ragionamento. Pare che Curti e Mastrovincenzo siano stati visti ad Ancona prendere un caffè insieme per un confronto molto pacato. Risultato? Curti ha detto al suo staff di essere sereno visto che la discussione che si sta portando avanti viene svolta nell’interesse del partito. Stessa posizione per Mastrovincenzo che ha confermato la sua disponibilità a fare un passo indietro nel caso in cui si trovasse una figura autorevole, equidistante e di garanzia. E ovviamente se non si riuscirà ci saranno le primarie a decidere la con tesa. Insomma, posizioni affini anche se con cento occhi sulle posizioni dell’altra sponda. Le ipotesi comunque potrebbero essere due: Irene Manzi, maceratese ex deputata di area Martina fino al 2018 e Anna Casini, ex vice presidente di Ceriscioli fino a un anno fa. Manzi è stata addirittura sondata da entrambi i gruppi ma ha declinato l’invito. Casini non è stata interpellata e non sarebbe incline al sì.
a.t.
© RIPRODUZIONE RISERVATA 

© RIPRODUZIONE RISERVATA