Giustizia, il flop dei referendum: affluenza al 20,7%. Amministrative: oggi Porto San Giorgio conoscerà il sindaco, a Frontino eletto Spagna

Le schede per i referendum / Foto Afs
Le schede per i referendum / Foto Afs
2 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 04:59 - Ultimo aggiornamento: 17:12

ANCONA - Il risultato era quasi scontato. E le urne non hanno smentito le previsioni. I cinque quesiti referendari sulla giustizia - presentati dalla Lega e dai Radicali, e appoggiati da Italia viva - nelle Marche non hanno neanche lontanamente sfiorato il quorum del 50%+1 degli aventi diritto al voto. Non è bastato neanche il traino delle elezioni del sindaco in 17 Comuni, dove la percentuale si è assestata su cifre più alte rispetto alla media del resto della regione, ma comunque non sufficienti a ribaltare un evidente flop.

A depotenziare la tornata referendaria ha contribuito anche il fatto che non siano stati ammessi i due quesiti più “trainanti”: quello sull’eutanasia e quello sulla cannabis legale. I cinque quesiti del referendum si sono  settati su un’affluenza del 20,7% - del tutto in linea con  la media nazionale -, con la forbice più bassa nell’Ascolano (15,2%) e la più alta nel Maceratese (26.6%).


I Comuni al voto
Passando al voto delle Amministrative - con affluenza media al 55,09 -, nell’Anconetano ha votato il 54,9%, in provincia di Ascoli il 61,80, in quella di Pesaro il 63,29, nel Fermano il 55,8%, in provincia di Macerata il 54,03. Frontino, dove c’era una sola lista in corsa, si  assesta al 72,73%. Eletto dunque di default l’unico candidato in campo Andrea Spagna. Oggi invece si conoscerà il sindaco di Porto San Giorgio dove sono due i candidati in lizza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA