Il Covid avanza: le Marche tornano rosse nella mappa europea Ecdc. E preoccupa il rosso scuro che incombe da est

Il Covid avanza: le Marche tornano rosse nella mappa europea Ecdc. E preoccupa il rosso scuro che incombe da est
Il Covid avanza: le Marche tornano rosse nella mappa europea Ecdc. E preoccupa il rosso scuro che incombe da est
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 15:07 - Ultimo aggiornamento: 12 Novembre, 21:55

Peggiorano i dati della pandemia di Covid nelle Marche, un segnale colto anche dall'Europa. La regione, infatti, è tornata a colorarsi di rosso nella mappa settimanale Ecdc (European Centre for Disease Prevention and Control, Agenzia europea per la prevenzione e il controllo delle malattie) dopo mesi passati in giallo. Una classificazione cromatica che non ha nessun legame con le zone della legsilazione italiana, ma che certificata il peggioramento della situazione pandemica. Ed in particolare l'incidenza ed il tasso di postività dei tamponi. Preoccupa, inoltre, il rosso scuro che incombe sun Italia quasi toalamente in giallo, tranne tre regioni in rosso chiaro (Marche, Calabria, Friuli Venezia Giulia e provincia di Bolzano) e altre tre (Sardegna, Molise e Val d'Aosta) in verde.

Continua a colorarsi sempre più in giallo l'Italia mappa europea della situazione Covid-19 aggiornata ogni settimana dall'Ecdc, il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie, e pubblicata oggi. In verde, il livello di rischio più basso, restano solo 3 regioni: Sardegna, Molise e Valle d'Aosta. Mentre sono in rosso già 3 regioni - Calabria, Friuli Venezia Giulia, e Marche - e la provincia autonoma di Bolzano.  Nell'area della Penisola in giallo - livello successivo al verde nella scala del rischio Covid - c'è la provincia autonoma di Trento e le restanti regioni: Veneto, Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Lazio, Abruzzo, Campania, Puglia, Basilicata e Sicilia. Resta dunque questo il colore predominate nella classificazione Ecdc, che si basa sulle notifiche dei casi positivi ogni 100mila abitanti, in abbinamento alla percentuale di test positivi sul totale dei test effettuati, senza prendere in considerazione il tasso di vaccinazione.  A livello europeo si osserva quasi una spaccatura: tutta la parte a Est dell'Italia è in rosso scuro o rosso. Nel dettaglio Austria, Slovenia, Croazia e Bulgaria sono interamente in rosso scuro, così come Lituania, Estonia e Lettonia. Altri Stati nel blocco centrale e Nord orientale. Restano piccole aree in giallo solo in Svezia e in Norvegia. Dall'altro lato, i Paesi a ovest e a nord ovest rispetto all'Italia hanno predominanza del colore giallo: per esempio la Francia, che ha un'unica piccola area in rosso, il Portogallo (interamente in giallo) e la Spagna che oltre al giallo predominante ha qualche area in verde e in rosso. Spicca l'Irlanda, totalmente in rosso scuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA