Acquaroli rassicura sulle Marche in zona bianca: «Rianimazioni oltre il limite, ma i ricoveri ampiamente sotto e i contagi calano»

Lunedì 6 Settembre 2021
Acquaroli rassicura sulle Marche in zona bianca: «Rianimazioni oltre il limite, ma i ricoveri ampiamente sotto e i contagi calano»

ANCONA - Le Marche rischiano la zona gialla Covid? Assolutamente no, almeno secondo il governatore Francesco Acquaroli che ha affidato le sue rassicurazioni ad un lungo post su Facebook: "I ricoveri in terapia intensiva hanno superato leggermente il limite, ma quelli in area medica sono ampiamento sotto la soglia ed i ricoveri dell'ultima settimana sono in calo rispetto a quella precedente"

 

"Buongiorno a tutti e buon inizio settimana. Con l’inizio del mese di settembre - ha scritto il governatore su Facebook - ci tengo ad aggiornarvi sull’andamento della pandemia nella nostra regione. Rispetto agli ultimi giorni di agosto, nella settimana che si è appena conclusa, dal 30 agosto al 5 settembre, abbiamo registrato una riduzione dell’incidenza dei nuovi casi positivi settimanali, 1023 nuovi positivi con un tasso del 68,1 su 100.000 mila abitanti. La settimana precedente erano stati registrati 1300 nuovi positivi con un tasso dell’86,6%. Ricordo che i parametri di soglia per entrare in “zona gialla” sono l’occupazione del 10% dei posti letto di terapia intensiva e del 15% di ricoverati in area medica, dati che devono verificarsi contemporaneamente. Ad oggi, a livello regionale, abbiamo una occupazione delle terapie intensive del 10,3% e in area medica del 6,17%. Superiamo quindi leggermente il parametro nelle terapie intensive, ma siamo ampiamente sotto per quanto riguarda l’area medica. Inoltre, in questa settimana abbiamo raggiunto una copertura nella vaccinazione di 1.066.693 di cittadini marchigiani che hanno ricevuto la prima dose (il 78,45%), di cui già 908.866 hanno effettuato il richiamo. Il target di cittadini residenti nelle Marche nell’età vaccinabile, superiore a 12 anni, è di 1.359.604. Ci tengo sempre a ringraziare tutti i medici, gli operatori sanitari, le farmacie e i volontari che da mesi e mesi sono in prima linea per affrontare questa situazione complicata, al fianco delle istituzioni e della popolazione marchigiana.

Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 09:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA