Covid, un consigliere regionale svela: zona rossa da mercoledì a Pesaro e Fermo, resta fuori solo Ascoli. Tracciamento, 30 unità in più

Il presidente della giunta regionale delle Marche Francesco Acquaroli
Il presidente della giunta regionale delle Marche Francesco Acquaroli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Marzo 2021, 15:34 - Ultimo aggiornamento: 18:34

ANCONA - Da mercoledì, compreso , anche le province di Pesaro  e Fermo si aggiungono a quelle di Macerata e Ancona e diventano rosse. La Provincia di Ascoli resta in zona arancione. Lo afferma un consigliere regionale della Lega e la conferma arriva anche da fonti della Regione Marche. E' questa la determinazione verso cui si sta indirizzando la Regione alla luce dell'andamento dei contagi. L'ordinanza che sta per firmare il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli prevede il rosso anche per Fermo e Pesaro Urbino dovrebbe essere in vigore fino a domenica 14 marzo.

A ulteriore conferma dell'ordinanza in arrivo arriva poi anche un post su facebook il sindaco di Fermo Paolo Calcinaro. «A seguito di una riunione appena terminata tra i sindaci del territorio, l'assessore regionale (alla Sanità, ndr) Saltamartini e l'Asur Marche, ci è stata ufficializzata la decretazione da parte della Regione della zona rossa per la provincia di Fermo (oltre che quella di Pesaro) da mercoledì (incluso) fino a domenica (inclusa)». Decisione presa per il «trend di aumento registrato nell'ultima settimana sul territorio».

LEGGI ANCHE

Mario Draghi: «L'emergenza peggiora, compito del governo salvaguardare con ogni mezzo la vita degli italiani. Recovery opportunità per le donne» IL VIDEO

 Inoltre, nella seduta di giunta del presidente Francesco Acquaroli sono stati approvati due provvedimenti.

Il primo riguarda l’implementazione di 30 unità del personale che si occupa del tracciamento del Covid19, anche in considerazione del diffondersi delle nuove varianti sul territorio regionale che richiedono uno sforzo ancora maggiore. Il secondo, come annunciato, è l’approvazione dello schema di protocollo per estendere i canali di vaccinazione sui luoghi di lavoro, coinvolgendo le categorie economiche e sociali e il mondo delle imprese marchigiane. Ora può partire la concertazione con tutti coloro che vorranno aderire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA