Maxi scorte tamponi e prenotazioni: «Farmacie pronte per i Green pass». Oltre 350 le sedi nelle Marche. Terza dose, via libera dalla Regione

Mercoledì 13 Ottobre 2021 di Massimiliano Viti
Maxi scorte tamponi e prenotazioni: «Farmacie pronte per i Green pass». Oltre 350 le sedi nelle Marche. Terza dose, via libera dalla Regione

ANCONA Farmacie pronte a reggere l’urto dell’aumento delle richieste di tamponi rapidi. Sono oltre 350 le farmacie marchigiane, ben distribuite su tutto il territorio regionale, ad offrire il servizio del tampone rapido che individua la presenza del virus.

 

 

I presidenti regionali di Federfarma e Assofarm (rispettivamente Andrea Avitabile e Luca Pieri) hanno inviato una comunicazione alle loro associate chiedendo maggiore disponibilità ed impegno per fronteggiare e soddisfare tutte le richieste che ricevono e che riceveranno nei prossimi giorni, visto che venerdì entrerà in vigore l’obbligo del Green Pass per svolgere una ampia serie di attività, prima fra tutte il lavoro dipendente. Ma forti sia di un meccanismo ormai rodato e consolidato e sia dei numeri fin qui collezionati, i farmacisti non intendono tirarsi indietro, precisando come non ci siano problemi di scorte dei materiali. E a chi vuole richiedere il tampone l’invito che rivolgono è quello di prenotare, per una migliore gestione e, soprattutto evitare code inopportune. 


L’attività in crescendo
Nelle farmacie delle Marche, sono stati eseguiti oltre 25.000 tamponi negli ultimi 20 giorni. E dal 15 maggio ad oggi si è oltre quota 160.000. «Credo vadano ringraziate le farmacie rurali per l’azione svolta perché sono state in grado di erogare servizi di qualità nelle aree più lontane dalle strutture sanitarie», osserva Marco Meconi, delegato alle farmacie rurali e vice presidente di Federfarma Marche, secondo cui le farmacie sono di nuovo pronte a mettersi a disposizione della sanità e della popolazione, ricordando come la “soluzione tampone” non deve distrarre tutti dalla vaccinazione che va comunque incentivata. E le farmacie sono impegnate in prima linea anche con i vaccini e ora con compiti più ampi rispetto a qualche giorno fa perché in una delle 125 farmacie marchigiane che offrono il servizio è possibile prenotare anche la seconda e terza dose di vaccino. Sarà Pfizer per tutti, compresi quelli che in precedenza hanno ricevuto il vaccino di un’altra marca. Inoltre, le farmacie sono autorizzate anche ad iniettare il vaccino antinfluenzale. Licenze guadagnate sul campo, si potrebbe dire, perché negli ultimi 20 giorni sono stati inoculate più di 5.000 dosi. Complessivamente siamo ormai a quota 30.000 vaccini. «Ci eravamo dati un obiettivo di 20 somministrazioni settimanali per ogni farmacia. Lo abbiamo superato, tanto che l’assessore Saltamartini ha autorizzato le farmacie a procedere con la terza dose e la seconda per i soggetti impossibilitati a recarsi presso i centri vaccinali» spiega Andrea Avitabile, presidente di Federfarma Marche che poi conclude affermando: «Se i cittadini possono scegliere, scelgono il farmacista di fiducia».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre, 10:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA