Maxi consegna dopo la frenata, 53mila dosi Pfizer alle Marche, ma saranno per i richiami. In arrivo anche gli altri tre vaccini

Giovedì 29 Aprile 2021
Maxi consegna dopo la frenata: quasi 60mila dosi Pfizer alla Marche per far ripartire la campagna vaccinale

ANCONA - La campagna vaccinale nelle Marche arranca da qualche giorno, ma da oggi può riprendere vigore grazie alle 58.320 dosi Pfizer consegnate ieri. Da quanto trapela, però, il contingente sarà destinato quasi interamente alle seconde dosi. Un'altra maxi consegna sarà presto distribuita alle regioni: un carico di 2,5 milioni di dosi di Astrazeneca-Vaxzevria, Moderna e Johnson & Johnson è stoccato a Pratica di Mare. 

Cercasi spazio per l'hub vaccinale dei medici di base: spunta l'idea della palestra

Il picco delle vaccinazioni anti Covid, nelle Marche, c'è stato il 24 aprile scorso con oltre 12mila inoculazioni. Poi 2mila (domenica 25 aprile), 5mila, e due giorni da poco più di 3.500. La fascia dei 60-64enni ancora in stand-by, il centro vaccinale di Pesaro chiuso due giorni. Problemi accomunati dalla stessa causale: "Carenza di dosi e incertezza sugli approvvigionamenti".

Coronavirus, 308 nuovi positivi nelle Marche, il contagio corre in due province: ecco quali/ I numeri nelle regioni

 Sostituire Livini, ma non solo: Saltamartini vuole ridisegnare la sanità delle Marche

La consegna (la più grande dall'inizio della pandemia) segue di due giorni quelle più contenute di AstraZeneca-Vaxzevria (3.300 dosi) e Moderna (5.800) e può spingere l'acceleratore sulla campagna vaccinale che da qualche giorno batte in testa. Le Marche, infatti, restano tra le regioni più virtuose per quanto riguarda la percentuale di inoculazione rispetto alle dosi consegnate, ma resta in ritardo rispetto ad altre. In Lazio, ad esempio, è stato aperto lo slot di prenotazione per 58enni e 59enni, mentre nelle Marche è ancora congelato quello per i 60-64enni. Basterà la maxi consegna Pfizer per far ripartire il meccanismo e anzi lanciarlo a maggiore velocità? Difficile dirlo, anche se le Marche hanno ora a disposizione circa 70mila dosi. Con 526.043 iniezioni su 595.130 dosi (88,4%), le Marche sono tra le migliori (dietro solo a Umbria e Liguria), ma ciò non sembra bastare per evitare ritardi e contrattempi.

 

Ultimo aggiornamento: 30 Aprile, 07:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche