Marche Covid, oggi i nuovi contagi sono 290. Schizza il tasso di incidenza. Le province dove il virus circola di più. Due vittime /Il trend in tempo reale

Giovedì 18 Novembre 2021
Marche Covid, oggi i nuovi contagi sono 290. Schizza il tasso di incidenza. Le province dove il virus circola di più

ANCONA - Meno tamponi, meno nuovi positivi. Ma restano comunque troppi. Basta vedere il tasso di incidenza cumulativo su 100mila abitanti balzato da 108.50 a 112.50, quattro punti in più in sole 24 ore. Le Marche devono rialzare la guardia con il Covid se non vogliono guastarsi le feste. L'unica strada, come è evidente, sono i vaccini: proteggono dal virus e male che va attenuano gli effetti della malattia. Ma vediamo i dati dei nuovi contagi di oggi (tra parentesi i numeri di ieri). I positivi comunicati il 18 novembre 2021 sono 290 (ieri 326), i tamponi esaminati nel percorso diagnostico-screening 2.425 (2.624), la percentuale di positività è al 12% (12,4%), il tasso di incidenza è di 112.50 (108.50). 

L'impennata dell'incidenza è evidente nello schema del tasso settimanale

 

La provincia con il maggio numero di nuovi casi di positività a Sars-Cov-2 è Pesaro Urbino (85), seguita a ruota da quella di Ancona (83) e poi nell'ordine Macerata (43), Fermo (38) e Ascoli Piceno (29). Sono 12 i contagi registrati di fuori regione. 

Due decessi, ricoveri -5

Oggi sono stati purtroppo segnalati due decessi legati al Covid. Sono morti una 88enne di Servigliano (Fm) ed un 70enne di Senigallia (An). I morti nelle Marche da inizio pandemia sono stati 3.128, 1,749 uomini e 1.379 donne. Scende il numero dei ricoverati: oggi sono 86, 5 meno di ieri. Stabili quelli in terapia intensiva (22) e in semi intensiva (22), secondo quelli nei reaprti non intensivi (42, -5)

 

I nuovi casi Covid divisi per fascia di età      

Oggi registriamo un leggero calo nei nuovi contagi tra 0 e 18 anni, forse conseguenza anche delle tante classi ormai in quarantena che limitano i contatti almeno tra i giovani in età scolare. Lo zoccolo duro delle fasce in cui maggiore è il numero dei no-vax continuano a far registrare il maggior numeri di casi: sono 74 in quella 25-44 anni, 63 in quella 45-59 e 38 tra i 60-69enni. Un altro dato che fa capire l'importanza della terza dose: oggi crescono i contagi anche nella fascia di età 70-79 anni, tra i primi a terminare la precedente fase di profilassi e quindi quelli in cui ha perso un po' efficacia l'immunizzazione che evita il contagio (ma limita tuttavia le conseguenze della malattia) e per i quali si rende necessario il richiamo.

 

LEGGI ANCHE 

Scuola, nelle Marche torna l'ipotesi della Dad: troppi positivi. L'allarme dei presidi. Summit tra Ufficio scolastico, Asur e dirigenti

LEGGI ANCHE 

Lo psichiatra Crepet: «La Dad? Disastro generazionale sia psicologico che educativo». La terza dose? Pesa l'ignoranza pandemica. E non risparmia i no-vax

LEGGI ANCHE 

Vaccini sempre al palo nelle Marche, le prime dosi a rilento. I richiami? Non ci siamo. Oggi incontro Stato-Regioni. L’ipotesi: nuovo Green pass

LEGGI ANCHE 

Maestra positiva, classe in quarantena. Nel distretto 41 studenti hanno il Covid, nuovo caso alla materna di Marzocca

 

IL CONTAGIO NELLE REGIONI

 

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 21 Novembre, 11:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA