Marche, cinque giorni per tornare in zona gialla. Acquaroli: «Le ordinanze verranno ritoccate»

Sabato 28 Novembre 2020
Francesco Acquaroli

ANCONA  - Nella giornata convulsa del presidente della Regione l confronto con il ministro Speranza ha definitivamente fatto sfumare l’idea che le Marche potessero tornare gialle già da ieri. Ma allo stesso tempo da Roma è arrivata la conferma che l’andamento dei contagi ha preso la strada che avrebbe dovuto con i divieti imposti dall’area arancione e con le ordinanze che Francesco Acquaroli ha voluto comunque varare per scongiurare il rischio di assembramenti.

 

 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, altri 12 morti nelle Marche nelle ultime 24 ore / La mappa del Covid in tempo reale

 
Indice Rt a 0,93 dunque e pure questa settimana «dai dati parziali che abbiamo a disposizione la tendenza a scendere sembra essere confermata», sottolinea il governatore, con un dato bisettimanale a 0.97. Il nodo per le Marche restano i ricoveri: calano ma non abbastanza e questo è uno degli indicatori che per gli esperti romani vale altri cinque giorni con il fiato sospeso. Anche se le premesse per essere declassati ci sono tutte: «Da venerdì 4 dicembre la nostra regione dovrebbe tornare in zona gialla - rimarca Acquaroli - il ministro mi ha annunciato che l’ordinanza è stata prorogata fino al 3 dicembre, poiché i 14 giorni per cambiare fascia non vanno considerati dal giorno in cui l’ordinanza è stata emessa ma dal giorno in cui si registra il primo risultato positivo».

Dunque è cominciato il conto alla rovescia ma il presidente, adesso in autoisolamento con la moglie risultata positiva al Covid, sta già ragionando sulle ordinanze che ha firmato da quando è salito a Palazzo Raffaello e in particolare sull’ultima del 19 novembre che incide in maniera decisiva sugli assembramenti. «È intenzione della Regione tenere alta la soglia di attenzione anche durante il mese di dicembre e nel periodo delle festività - spiega - per questo motivo sto già pensando a come adattare il rigore alle esigenze del periodo, magari rivedendo qualche punto». 


La difficoltà più grossa starebbe nell’applicare il divieto di consumare cibi e bevande all’esterno dopo le ore 16, specialmente in pieno clima natalizio. Ma la riflessione sarà anche condizionata dal nuovo Dpcm che verrà emanato proprio nella giornata di giovedì - a un passo dalla zona gialla - e che riaprirà i centri commerciali prolungando gli orari dei negozi, consentendo le cene al ristorante. Insomma, concessioni importanti che però necessitano di massimo rigore per non accelerare nuovamente sui contagi. «Cerchiamo di restare attenti e vigili», resta l’appello del governatore
 

Ultimo aggiornamento: 08:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA