Covid, nelle Marche 1.528 nuovi positivi: casi in crescita tra i giovani ed i 60enni. Cinque morti, ricoveri -1. Incidenza ancora su/ Il trend

Venerdì 11 Marzo 2022
Covid, nelle Marche 1.528 nuovi positivi: casi in crescita tra i giovani ed i 60enni. Incidenza ancora su

ANCONA - I numeri dei ricoverati sono ancora, per fortuna, da zona bianca, ma, anche nelle Marche si sta assistendo negli ultimi giorni d una ripresa dei contagi Covid. Il nuovo aumento della diffusione, almeno per il momento, non si sta riflettendo sul numero dei sintomatici e dei ricoverati anche per merito della diffusa copertura vaccinale. Ma il virus circola ancora, in particolare nelle fasce di popolazione con le più ampie resistenze no-vax. Oggi, venerdì 11 marzo, il Gores ha segnalato 1.528 nuovi positivi (ieri erano 1.893), con un tasso di posititività del 41,4% (dal 47,5%) sui 3.687 tamponi analizzati (ieri erano stati 3.989). Continua per il settimo giorno consecutivo, seppur di poco, la risalita dell'incidenza, che oggi si attesta a 753,76 casi settimanali ogni 100mila abitanti (ieri 752,03).

Cinque morti, ricoveri -1

Oggi, purtroppo, sono stati segnalati cinque decessi legati al Covid. Sono morte 3 donne e 2 uomini, tutti già afflitti da altre malattie. La vittima più giovane è stato un 65enne di Chiaravalle (An). Da inizio pandemia sono state 3.632 le vittime nelle Marche, 2.026 uomini e 1.606 uomini. In leggero calo i ricoverati che oggi sono 183, uno meno di ieri. Salgono a 16 (+1) quelli in terapia intensiva, scendono 167 (-2) quelli in area medica.

I contagi nelle province

Restano sempre Ancona e Macerata le province più colpite dai contagi, con, rispettivamente, 464 e 303 nuovi casi. A seguire Ascoli Piceno (261) Pesaro Urbino (228) e Fermo (199); sono 73 i contagiati provenienti da fuori regione.

Saliscendi Covid nelle Marche, contagi al rialzo ma ricoveri in calo. Da sei giorni incidenza in aumento, i reparti però si svuotano

I contagi per classe di età

In salita i contagi tra i più giovani, in particolari nelle fasce tra 14 e 24 anni, ma i numeri tornano ad impennarsi anche tra i 60-69enni (158 casi), probabilmente tra coloro che ancora non hanno fatto il booster vaccinale. Tra i ragazzi preoccupano gli aumenti nella fascia delle scuole superiori (129 casi tra 14 e 18 anni) e tra i 19-24enni (129). Nel quadro generale, il maggior numero di casi si è verificato nella fasce tradizionalmente più colpite: 376 casi per i 25-44enni e 355 per i 45-59enni.

Carenza di medici e primario ko per il Covid: summit del prefetto per il Pronto soccorso

 

IL TREND DEI CONTAGI

 

 

Ultimo aggiornamento: 12 Marzo, 09:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA