Covid, scende la curva dei contagi nelle Marche. E arriva la mini-quarantena

Covid, scende la curva dei contagi nelle Marche. E arriva la mini-quarantena
Covid, scende la curva dei contagi nelle Marche. E arriva la mini-quarantena
di Lorenzo Sconocchini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Settembre 2022, 07:15

ANCONA Superate le fluttuazioni ferragostane, con il quadro statistico alterato da un saliscendi di tamponi legato al periodo clou delle ferie, la curva dei contagi nelle Marche ha ripreso la sua discesa e anche nell’ultima settimana del mese ha fatto segnare un calo intorno al 22%. Una decrescita dei nuovi casi più veloce rispetto alla media nazionale, che secondo l’ultimo report settimanale della Fondazione indipendente Gimbe si è attestata vicino al 16%. Proprio in considerazione dell’attuale diffusione virale della variante Omicron e in considerazione del quadro clinico del Covid il ministero della Salute ha aggiornato le indicazioni sulla gestione dei casi positivi e sulle modalità di isolamento. 


Serve il test

Per i contagiati dal Coronavirus che sono sempre stati asintomatici, oppure dopo una fase iniziale con sintomi ne risultano privi da almeno 2 giorni, l’isolamento potrà terminare dopo 5 giorni, invece degli attuali 7, purché venga effettuato un test, antigenico o molecolare, con risultato negativo al termine del periodo d’isolamento. La circolare del ministero della Salute rivede anche la gestione dei casi Covid di lunga durata. In caso di positività persistente «si potrà interrompere l’isolamento - spiega la circolare firmata dal direttore alla prevenzione del Ministero della Salute Gianni Rezza, - al termine del 14esimo giorno dal primo tampone positivo (e non più 21), a prescindere dall’effettuazione del test». 

Contatti stretti


«Per i contatti stretti di casi di infezione sono tuttora vigenti le indicazioni contenute nella circolare del ministero del 30 marzo scorso», vale a dire cinque giorni di autosorveglianza con obbligo di mascherina Ffp2 chiuso o in presenza di assembramenti. Intanto nelle Marche, dove la sottovariante Omicron 5 ha ormai l’esclusiva, l’epidemia continua la sua fase di regressione. Con i 598 nuovi casi annotati nei bollettini di ieri l’incidenza settimanale è scesa a 309 casi ogni 100mila abitanti. Il mese di agosto, con i dati di ieri riferiti a mercoledì, si è chiuso con 29.307 nuovi positivi nelle Marche, contro i 74.735 di luglio. Agosto era iniziato con un’incidenza settimanale di 915 casi per 100mila abitanti, adesso siamo praticamente a un terzo. Anche i ricoveri per Covid, nonostante il lieve rialzo di ieri in area medica (+3), sono drasticamente scesi rispetto al primo agosto, passando da 204 a 81 in area medica e da 9 a 2 in terapia intensiva.

Riaprono scuole e asili


Buone notizie, soprattutto in vista della riapertura di asili e scuole, anche per le infezioni pediatriche da Sars-Cov-2. È decisamente migliorata la situazione al Pronto Soccorso dell’ospedale materno-infantile Salesi, dove da un paio di settimane ormai si sta assistendo a un calo nel numero degli accessi di bambini contagiati. Dai 7-8 casi al giorno registrati tra luglio e la prima metà di agosto, un dato più alto rispetto alle precedenti ondate, si è passati a 2-3 casi al giorno. La fascia d’età più colpita resta quella in età pre-scolare e scolare, con diversi casi di reinfezione (anche tre volte) e sintomatologie caratterizzate da disturbi gastrointestinali e febbre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA