Cenone, distanze e pernottamenti. Cosa c’è da sapere. In zona rossa sì a visita parenti e amici, ma in due. Autocertificazioni: attenti alla privacy

Cenone, distanze e pernottamenti. Cosa c è da sapere. In zona rossa sì a visita parenti e amici, ma in due. Autocertificazioni: attenti alla privacy
Cenone, distanze e pernottamenti. Cosa c’è da sapere. In zona rossa sì a visita parenti e amici, ma in due. Autocertificazioni: attenti alla privacy
6 Minuti di Lettura
Martedì 22 Dicembre 2020, 02:50 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 09:31

Il giro dell’oca sta per cominciare. Oggi e domani saranno gli ultimi due giorni in fascia gialla, poi scatta il lockdown rosso Natale alternato a un periodo in fascia arancione. Occhio al calendario, dunque, perché condizionerà le vacanze dicembrine e la prima settimana di gennaio in un’alternanza da non perdere di vista, pena una sanzione salata da 400 a mille euro. Dunque ecco come bisognerà muoversi per i prossimi 17 giorni di fuoco, con le deroghe alla chiusura totale per consentire alle famiglie di riunirsi attorno al focolare domestico almeno per la Vigilia, per Natale, Santo Stefano e Capodanno.

Si comincia dal coprifuoco, che resta dalle 22 alle 5 del mattino tutti i giorni tranne per il primo gennaio quando si potrà uscire dalle 7. E si continua con il divieto assoluto di uscire dalla regione, tranne nel caso in cui bisogna far rientro nella città di residenza. Di deroga in deroga ecco le eccezioni per andare dai parenti, o dagli amici (il governo non ha fissato un legame parentale) spostandosi da un comune all’altro (in zona rossa altrimenti è vietatissimo) massimo in due persone. Non rientrano nel computo i minori di 14 anni, i disabili e i non autosufficienti che potranno quindi essere trasportati a prescindere dalla presenza di altri due adulti. Non esistono regole ferree per il numero delle persone all’interno di una abitazione, anche se il governo “consiglia” di limitare gli ospiti e distanziare le sedie attorno alla tavola. Importante, per evitare che il virus possa rimanere all’interno di una stanza - e quindi esponendo i presenti a un potenziale contagio - aprire le finestre per 2-3 minuti ogni ora. Le mascherine? Vanno usate quando ci si alza da tavola e attenti ad ingienizzare le mani dopo avere scartato i regali.

Quando scatta la zona rossa e quella arancione?

Nei giorni 24, 25, 26, 27 e 31 dicembre 2020, e nei giorni 1, 2, 3, 5 e 6 gennaio 2021, tutta Italia sarà in zona rossa. La zona arancione invece è nei giorni 28, 29 e 30 dicembre 2020 e 4 gennaio 2021.

Il mio nucleo familiare convivente è di quattro persone. Posso invitare a casa i nonni?

Si, ma devono essere solo due. Nei giorni in cui l’Italia sarà zona rossa, dal 24 al 27 dicembre, il 31 dicembre e poi l’1, 2, 3, 5 e 6 gennaio si possono ricevere a casa fino a due persone non conviventi. Con la forte raccomandazione di mantenere le distanze ed indossare la mascherina.

E se invece i nonni non se la sentono di uscire, possiamo andare a pranzare da loro?

In questo caso dipende dall’età dei figli. Il governo ha stabilito che ci si può spostare solo in due, senza contare i bambini sotto i 14 anni, le persone disabili e non autosufficienti. Se nel nucleo familiare ci sono figli over 14 bisogna decidere, perché gli spostamenti valgono solo per due adulti.

La deroga agli spostamenti in due vale solo per in nonni o anche per fratelli e figli maggiorenni?

Si, la deroga indica solo il numero delle persone, non il grado di parentela.

5  Posso quindi invitare a pranzo anche il mio partner o due amici?

Si. La deroga agli spostamenti della zona rossa ha allargato l’interpretazione del termine non soltanto ai consanguinei ma anche agli affetti stabili e agli amici.

Come deve avvenire lo spostamento e in che fascia oraria?

Lo spostamento verso le abitazioni private è consentito da un comune all’altro, una sola volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le 22, verso una sola abitazione ubicata nella medesima regione.

Queste norme sono valide per la Vigilia di Natale, per il pranzo del 25, del 26 e per il cenone di Capodanno?

Si, sono valide per tutti i giorni in cui le Marche saranno in zona rossa. Chi gode della deroga dovrà rispettare il termine delle 22 fissato dal coprifuoco.

Posso decidere di fermarmi a dormire nell’abitazione in cui ho trascorso la giornata?

Sì, ogni giorno si può effettuare soltanto una visita e si può rimanere anche a dormire. L’uscita per il ritorno a casa è consentita dalle 5 alle 22 tutti i giorni e il 1° gennaio 2021 dalle 7 alle 22.

Ho due genitori non autosufficienti, posso portarli entrambi in auto con me?

Sì. In questo caso non ci sono limitazioni. È solo necessaria l’autocertificazione da esibire in caso di controllo da parte delle forze dell’ordine».

10 Ho un parente/amico che si è trasferito nella seconda casa. Posso andare a trovarlo?

Sì, vale la regola dell’unico spostamento - tra le 5 e le 22 - massimo due persone (più minori under 14, disabili e non autosufficienti). La seconda casa però deve essere nella regione di residenza sia del proprietario sia degli amici o parenti che vengono ospitati.

11 Per i pranzi delle feste e il cenone di Capodanno quante persone posso ospitare a casa?


Il governo non ha espresso divieti su quello che accade nelle case private, ma ha dato una raccomandazione: quella di restare a pranzo o a cena con il minor numero possibile di commensali preferibilmente appartenenti allo stesso gruppo di persone conviventi.


12 È meglio organizzare un pranzo o una cena tradizionale, oppure è consigliato un buffet? 


I buffet a casa rappresentano situazioni in cui gli spazi ridotti possono favorire la trasmissione se non si riesce a garantire il distanziamento. Meglio restare seduti dove le distanze sono comunque assicurate dalla presenza del tavolo.


13 Come vanno organizzati i posti a tavola? È meglio tenere a distanza i nonni dai bambini?


Sarebbe opportuno mantenerli a distanza, magari facendoli sedere ai lati opposti del tavolo. L’ideale sarebbe mettere i bambini ad un tavolo loro riservato separato da quello degli adulti.



14 Quali precauzioni sarebbe opportuno adottare durante i pranzi o il cenone?


Se ci si incontra con persone al di fuori del proprio nucleo familiare indossare la mascherina e mantenere la distanza rappresenta una forte raccomandazione. Importante anche una frequente areazione degli ambienti, aprendo le finestre per 2-3 minuti ogni ora.

15 E durante lo scambio dei doni?


È fondamentale igienizzarsi le mani.



16 Quando serve l’autocertificazione?


L’autocertificazione serve per uscire dal proprio comune, per spostarsi dai comuni con popolazione non superiore a 5mila abitanti e per andare, all’interno della propria regione o a trovare amici e parenti. Il modulo serve anche per muoversi durante il coprifuoco. Se non si riesce a stamparlo va utilizzato quello delle forze dell’ordine.


17 Nel caso della visita a parenti/amici bisogna anche specificare chi si va a trovare?


Per motivi di privacy bisogna indicare dove e genericamente di chi si tratta.

18 Fino a domani, 23 dicembre, le Marche restano in zona gialla. Posso andare a pranzare al ristorante o prendere un caffè al bar?


Sì, bar e ristoranti sono aperti fino alle 18 e non oltre. Dopo le 18 è consentita la consegna a domicilio e fino alle 22 (inizio del coprifuoco) si può prendere cibo da asporto, che però non può essere consumato all’aperto.


19 Posso andare al ristorante o al bar quando le Marche entreranno in fascia arancione o rossa? 

No. Sono sospese le attività di ristorazione - bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie - ad esclusione delle mense e del catering continuativo. Permesso l’asporto e la consegna a domicilio.


20 Nei giorni indicati della fascia arancione posso spostarmi da un Comune all’altro?


Nei giorni feriali delle festività - ovvero 28, 29 e 30 dicembre e il 4 gennaio- sono consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA