Laboratori mobili e tamponi a tappeto per spegnere il focolaio Covid all'Hotel House

Martedì 16 Giugno 2020 di Lorenzo Sconocchini
Laboratori mobili e tamponi a tappeto per spegnere il focolaio Covid all'Hotel House

ANCONA - Tamponi a tappeto all’Hotel House per soffocare sul nascere il focolaio di contagio emerso giovedì con i primi casi positivi, poi saliti a cinque. Già oggi la Protezione civile installerà due moduli per il prelievo dei campioni nasofaringei da sottoporre al test molecolare che rileva la positività al Covid-19, con l’obiettivo di monitorare una parte consistente delle circa duemila persone che gravitano nel palazzone multietnico di Porto Recanati, a partire dai contatti più ravvicinati dei due pachistani risultati positivi al test la scorsa settimana, tra cui il “caso indice”, termine tecnico che indica chi ne ha contagiati altri. 

LEGGI ANCHE:
Il Coronavirus fa una vittima nelle Marche: morta donna del Pesarese/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Coronavirus, salgono a 5 i contagi all'Hotel House. Convocata una riunione d’urgenza


La decisione di continuare con i tamponi su larga scala è stata presa durante la riunione del Comitato operativo regionale che si è tenuta ieri pomeriggio nella sala operativa permanente della Regione Marche.
 
Oltre agli esperti del Gores e al direttore generale dell’Asur Marche Nadia Storti hanno partecipato alla riunione, dedicata proprio all’emergenza dell’Hotel House, il prefetto di Macerata Iolanda Rolli, il presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari e il sindaco di Porto Recanati Roberto Mozzicafreddo.
Si è deciso di proseguire già oggi con la fase operativa dell’indagine epidemiologica con tamponi a tappeto già avviata sin dalla positività del primo caso, «con l’obiettivo - spiega la Regione in una nota - di garantire la massima sicurezza sanitaria». Saranno dunque effettuati ulteriori tamponi e controlli, che si aggiungono ai 59 realizzati finora (di cui 41 nella giornata di domenica). Fino a questo momento si conferma che i casi riscontrati sono cinque».
I mediatori culturali
«Abbiamo immediatamente convocato il Gores e tutti i soggetti istituzionali interessati – ha spiegato la dirigente del servizio Sanità della Regione Lucia Di Furia - e, per poter procedere velocemente, è stato anche richiesto l’ausilio di 5 mediatori culturali che collaboreranno nel dialogo con i residenti». L’obiettivo condiviso dai partecipanti al Comitato operativo è quella di mappare tutti i possibili positivi in breve tempo. «Sono presenti alcuni casi di positività – afferma il dg di Asur Nadia Storti - ma non dobbiamo avere paura. Ora siamo noi a cercare gli asintomatici. Riusciremo sicuramente a raggiungere il nostro obiettivo come avvenuto fino a questo momento». I tamponi verranno effettuati d’accordo con i residenti e con i loro mediatori culturali in modo da smaltirli in pochi giorni. Intanto il Cor tornerà a riunirsi oggi pomeriggio con la presenza dei soggetti istituzionali interessati.
Quattro nuovi casi
Al netto del focolaio che si tenta di spegnere all’Hotel House, l’epidemia nelle Marche è già sotto stretto controllo. Nella giornata di domenica sono stati processati in tutto 1.294 tamponi, di cui 266 del percorso nuove diagnosi e 1.028 del percorso guariti, il doppio test a cui i contagiati vengono sottoposti per verificare se si siano negativizzati. Quattro in tutto i nuovi positivi: i tre stranieri residenti nel maxi-condominio di Porto Recanati, di cui il Gores Marche aveva riferito in anticipo già domenica sera, più un nuovo caso in provincia di Pesaro Urbino. Il totale dei positivi sale a 6.762 su 73.564 test effettuati. Continua ad alleggerirsi il carico ospedaliero legato al Covid-19. Ieri a mezzogiorno i ricoverati erano scesi a 18, 3 in meno del giorno prima, con un solo paziente in terapia semi-intensiva a Torrette, 10 nei reparti di Malattie infettive di Marche Nord, Macerata e Fermo e 7 nelle strutture destinate alle degenze post acute, Macerata e l’Inrca di Fermo. Continuano a infoltirsi le schiere dei fuoriusciti dal virus, che il bollettino giallo del Gores raduna alla voce dimessi-guariti, salita a 5.152 (+13). Diminuiscono così i positivi in isolamento domiciliare, ieri 599 (-6) e anche i positivi attuali, marchigiani che hanno un’infezione ancora in corso, scesi a 617 (-9).
Isolati in casa
Ieri purtroppo, dopo tre giorni senza decessi, si è registrata un’altra vittima del Covid-19, un’anziana di Pergola, 83 anni, che era ricoverata a Marche Nord: il bilancio per le Marche sale a 994 caduti dall’inizio dell’epidemia. 
Torna a crescere dopo settimane di frenata il numero dei marchigiani in quarantena precauzionale dopo contatti ravvicinati con soggetti positivi. Ieri, forse anche per le disposizioni anti-contagio scattate all’Hotel House, sono saliti a 965 (+19) compresi 81 operatori sanitari. Soltanto 270 hanno sintomi. 

Ultimo aggiornamento: 10:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA