Coronavirus, boom per le bombole di ossigeno: ora possono prescriverle anche pediatri e dottori di medicina generale

Lunedì 30 Marzo 2020
Coronavirus, boom per le bombole di ossigeno: ora possono prescriverle anche pediatri e dottori di medicina generale

ANCONA - L'emergenza legata alla pandemia di Coronavirus ha determinato un forte incremento nell’utilizzo dell’ossigeno terapeutico, in modo particolare di bombole di ossigeno gassoso. Un bisogno però frenato dalle difficoltà nelle prescrizioni. Per questo, grazie alla collaborazione dei medici di medicina generale, dei pediatri di libera scelta e delle farmacie, si è provveduto a dare una pronta risposta, garantita a tutti i malati, Covid e Non Covid. 

LEGGI ANCHE: Ospedali da campo Covid-19: quello della Marina pronto in 3 giorni, pressioni per sbloccare la struttura cinese

Coronavirus, sono 126 i nuovi contagiati: nelle Marche il totale è 3.684, ma cala la percentuale di positivi/ La mappa dei contagi provincia per provincia

La Regione Marche infatti ha autorizzato, per il periodo dell’emergenza, anche i medici di medicina generale e i pediatri di libera scelta a prescrivere l’ossigeno liquido ai malati che, abitualmente, hanno un consumo gassoso maggiore di 18 mila litri al mese. Precedentemente la possibilità era riservata ai pneumologi. “Questa modalità – afferma il presidente Luca Ceriscioli - ridurrà l’immobilizzazione delle bombole e favorirà una maggiore efficienza del servizio di fornitura. È indispensabile garantire ai pazienti che seguono l’ossigeno terapia e a quelli da Covid-19 una fornitura puntuale e continuativa di un presidio indispensabile per le loro patologie”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA