Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Via libera anche nelle Marche alla sperimentazione al plasma. Ceriscioli: «Non c'è mai stato un vero stop»

Via libera anche nelle Marche alla sperimentazione al plasma. Ceriscioli: «Non c'è mai stato un vero stop»
Via libera anche nelle Marche alla sperimentazione al plasma. Ceriscioli: «Non c'è mai stato un vero stop»
2 Minuti di Lettura
Martedì 12 Maggio 2020, 18:06

ANCONA - Alla fine, il coro di sì è stato unanime. C’è il via libera alla sperimentazione della terapia al plasma anti-Covid nelle Marche. E' arrivato l’ok della Commissione etica regionale al protocollo che consentirà anche agli ospedali marchigiani di replicare la cura già adottata in altre città italiane - Pavia e Mantova sono state le capofila - e che ha garantito risultati soddisfacenti, benché la sua validità non sia ancora stata riconosciuta ufficialmente dal mondo scientifico.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, boom di guariti e terapie intensive quasi vuote nelle Marche, ma a Pesaro ci sono 15 nuovi contagi

Ceriscioli a Uno Mattina: «L'economia deve ripartire, ma in sicurezza. Le Marche sono pronte»


Domani partirà la sperimentazione che, per quanto riguarda il prelievo del plasma, riguarderà nella prima fase solo gli ospedali di Torrette, Marche Nord e Fermo, mentre l’infusione nei pazienti potrà avvenire anche in altre strutture sanitarie. Non nasconde la propria soddisfazione Luca Ceriscioli: «Nessuno stop, dunque - annuncia il governatore -, i fatti dimostrano la verità fino in fondo. E’ stato creato un allarme inutile, generando convincimenti e preoccupazioni infondate per i cittadini e soprattutto approfittando della fragilità delle persone malate.»

© RIPRODUZIONE RISERVATA