Scuola, sono 220 le aule inadeguate nelle Marche: «C'è anche la didattica a distanza»

Lunedì 7 Settembre 2020 di Maria Teresa Bianciardi
Scuola, sono 220 le aule inadeguate nelle Marche: «C'è anche la didattica a distanza»

ANCONA - L’Ufficio scolastico regionale delle Marche resta fermo sulle proprie posizioni. «Nelle scuole secondarie di II grado e per le classi ubicate in aule inadeguate gli studenti fruiscono di attività didattica in presenza e, in via complementare, di didattica digitale integrata». E a sostegno del percorso seguito per l’apertura dell’anno scolastico indica le linee guida per la Didattica digitale integrata e il piano Scuola 2020/21 approvato con il Decreto ministeriale 39 del 26 giugno. 



LEGGI ANCHE:
Giovane di 37 anni si uccide nel suo letto con una overdose di farmaci, la scoperta choc del padre.

Il piromane sparge gli inneschi. Seconda notte consecutiva tra le fiamme. Lo psicologo traccia un identikit


Nel botta e risposta che da giorni è stato ingaggiato con l’assessorato regionale alla Pubblica istruzione, questo è il quarto capitolo di una polemica senza uscita. Perché se la Regione si è impuntata sulla didattica a distanza («non può essere la soluzione e la scuola si fa in presenza», ha spiegato l’assessore Loretta Bravi), l’Ufficio scolastico non cede di un millimetro con eventuali deroghe alle disposizioni ministeriali.
 
E l’incartamento - con polemica - è assicurato. Dopo l’ulteriore pressing da parte dell’assessorato regionale ha tirato le somme sull’attività svolta per garantire un rientro a scuola secondo le regole anti Covid. 
I nodi
«Il numero delle aule inadeguate è in corso di revisione in riduzione - spiega l’Usr Marche - a seguito degli interventi posti in essere dagli enti locali dopo i contatti con la Protezione civile. Il 14 settembre saranno 179 (erano 200) di cui 86 nelle scuole del I ciclo e 93 nelle scuole secondarie di I grado. Si è provveduto anche ad assegnare ulteriori posti docente alle scuole del I ciclo per consentire il temporaneo “sdoppiamento” delle classi dell’infanzia, della primaria e del primo grado ubicate in aule inadeguate, dando loro sede in più aule disponibili che seppur di minori dimensioni possano assicurare il distanziamento tra gli alunni e docente». Al tavolo regionale inoltre , sono state individuate ulteriori tipologie di bisogni attraverso i maggiori standard di pulizia e l’ aumento degli spazi disponibili , che possono determinare incrementi di carichi lavoro e quindi di personale. «La rilevazione di tali bisogni , effettuata tramite il sistema informativo presso le scuole, è stata completata il 4 settembre. Nei prossimi giorni si procederà all’assegnazione del relativo personale, sempre nei limiti delle disponibilità delle risorse già assegnate». Ma alla Regione, decisa a risolvere i nodi di 9 istituti superiori nelle Marche senza ricorrere alla didattica a distanza ma insistendo sullo sdoppiamento delle classi, queste risposte non bastano. 
Il pressing
«Sarebbe importante - la stoccata dell’assessorato - capire quale sia il modus operandi dell’Ufficio scolastico regionale e degli enti locali. Per quanto riguarda gli sdoppiamenti degli istituti superiori nell’entroterra, sono criticità prese in considerazione o trascurate nonostante la richiesta di Regione, presidi, genitori e parti sociali? Il Liceo Musicale di Fermo è oggetto di approfondimento? Attendiamo dall’Usr un monitoraggio e una comunicazione precisa della situazione e dell’organico assegnato alle Marche. Purtroppo si avrà quello che si sarà stati capaci di chiedere». A una settimana dall’avvio dell’anno scolastico la strada è sempre più in salita.

Ultimo aggiornamento: 10:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA