Secondo morto di Coronavirus nelle Marche: è un sessantenne del Pesarese. Salgono i positivi: sono 61. C'è il primo nel Maceratese

Martedì 3 Marzo 2020
Secondo morto di Coronavirus nelle Marche: è un sessantenne del pesarese

PESARO - E’ deceduto questa notte a Marche Nord il secondo paziente contagiato dal Coronavirus. Si tratta di un uomo sessantenne con patologia pregressa. A darne notizia è il governatore Luca Ceriscioli: «Esprimiamo ai familiari delle vittime la nostra vicinanza».

LEGGI ANCHE: Il governatore Ceriscioli: «Se nelle Marche l’epidemia continua così devono chiudere tutte le scuole»

E aumentano anche i contagiati. Il Gores ha comunicato infatti che è terminato questa notte l’esame dei 54 tamponi effettuato ieri dalla Sod Virologia di Torrette. In totale nella giornata del 2 marzo sono stati rilevati 26 tamponi positivi: 22 nell’Area Vasta 1, 3 nell’Area Vasta 2, 1 nell’Area Vasta.

LEGGI ANCHE: Un dipendente positivo al Coronavirus: dieci colleghi in isolamento domiciliare

Salgono quindi a 61 i casi positivi complessivi nelle Marche: 55 nella provincia di Pesaro e Urbino, 5 in quella di Ancona, 1 in quella di Macerata. Quest'ultima persona proviene dalle zone a rischio.

LEGGI ANCHE: Rientra da Rimini e si sente male: contagiato, è il paziente-2 dell'Anconetano. Scatta l'allarme anche all’ospedale di Osimo


I ricoveri in terapia intensiva sono saliti a 12 e le persone in isolamento domiciliare a quota 425. Ieri si è registrata una percentuale «altissima di tamponi positivi», pari al 28%. È il quadro prospettato oggi dal presidente della Regione Luca Ceriscioli che, a margine della seduta del Consiglio regionale, ha riferito di aver «telefonato al ministro questa mattina. Ho rappresentato la nuova situazione e abbiamo caricato i dati sull'Istituto superiore di sanità. Pensiamo che in giornata ci saranno altri contatti per fare una valutazione condivisa su cosa è meglio fare alla luce di questa situazione e il quasi raddoppio giornaliero della casistica». Il trend dei contagi «sta continuando a crescere, io non escluderei la necessità di, come abbiamo ravvisato fin da subito, estendere le misure di contenimento, perché poi se non conteniamo...».

Attualmente nelle Marche solo la zona di Pesaro Urbino è stata compresa nella 'zona giallà con misure più forti di contenimento dell'emergenza coronavirus tra le quali la chiusura delle scuole e il divieto di manifestazioni pubbliche, comprese quelle culturali, di carattere «non ordinario».

 

Ultimo aggiornamento: 6 Marzo, 07:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA