Si può fare o no? Disco, crociere e rebus sagre: la strada è lunga

Lunedì 15 Giugno 2020 di Andrea Taffi
Si può fare o no? Disco, crociere e rebus sagre: la strada è lunga

ANCONA - Ci sono anche le terme, i centri estivi sono ormai tutti abilitati e già in campo per salvare le famiglie con figli piccoli in crisi di nervi. E da questa notte teatri e spettacoli hanno ricevuto il semaforo verde dopo il lungo tagliando che ha stroncato tutte le date delle stagioni in corso. La vita post-lockdown continua a irrorare nuovi settori, riprendono colore nuove attività. La vera disgrazia è per i cinema e per le sagre. Entrambi autorizzati a ripartire, in realtà per motivi differenti saranno costretti a saltare l’estate. I primi perché il grande schermo da sempre nella bella stagione perde adepti ma soprattutto non ci sono pellicole in distribuzione per cui bisognerà accontentarsi delle proiezioni all’aperto e dei drive, per chi potrà. Profondo rosso invece per sagre ed eventi della tradizione: le norme sul distanziamento hanno già costretto a capitolare manifestazioni storiche che raccoglievano migliaia di persone. Dalla Quintana (una cancellata, l’altra rinviata: facciamo il tifo perché resista) al festival di Varano saranno il vero convitato di pietra dell’estate post Covid.

LEGGI ANCHE:
Decessi sospetti all'ospizio, ipotesi angelo della morte: arrestato infermiere accusato di otto omicidi

Mario, 53 anni da compiere a settembre, muore con lo scooter sulla strada di casa


TEATRI E CINEMA
Posti prefissati a teatro
Il primato di Pesaro

Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto sono svolti con posti a sedere preassegnati e distanziati . Il numero massimo di spettatori per spettacoli all’aperto è di 1000 e di 200 spettatori per spettacoli in luoghi chiusi. La scorsa mezzanotte, allo Sperimentale di Pesaro, è andato in scena il primo spettacolo in Italia post lockdown firmato da Ascanio Celestini.
 I CONCERTI
Direttori e strumentisti
si arriva vestiti in abito

Per i direttori d’orchestra obbligo di distanza di due metri; per gli strumenti a fiato 1,5 metri. Si può ricorrere a barriere fisiche, anche mobili. Per gli ottoni servirà «una vaschetta per la raccolta della condensa, contenente liquido disinfettante». I componenti del coro distanza di 1 metro laterale, e 2 metri tra le file. Evitare l’uso di spogliatoi promiscui e privilegiare l’arrivo in teatro degli orchestrali già in abito da esecuzione.

I CENTRI ESTIVI 
Un operatore per 5 bimbi
per la fascia dei più piccoli

Buona parte dei centri estivi sono ormai decollati. La Regione Marche ha normato anche quelli nella fascia 0-3. I rapporti numerici tra operatori e bambini varia in realtà all’età dei minori: nella fascia 0-5 anni, uno ogni 5 bambini; da 6-11 anni uno ogni 7 bambini; per gli adolescenti da 12 a 17 anni un operatore, educatore o animatore ogni 10 adolescenti. Misurazione della temperatura all’arrivo e igienizzazione delle mani.

SALE GIOCO 
Barriere alla cassa

distanza di un metro
Ripartono da oggi anche sale giochi, sale scommesse e sale bingo «in tutte le regioni dove ci sia compatibilità con l’andamento della situazione epidemiologica». Le macchine devono permettere la distanza di 1 metro tra gli avventori, barriere di plexiglas alla cassa, dispenser di gel igienizzanti nelle sale, i clienti devono indossare la mascherina al chiuso e all’aperto tutte le volte in cui la distanza è inferiore a un metro.

I PROCESSI
Ripartono le udienze
dal primo di luglio

L’annuncio del ritorno alla normalità per la giustizia è avvenuto in Senato per opra del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. «È imminente - ha detto il ministro - l’emanazione di una circolare che riequilibra il rapporto tra lavoro in presenza e lavoro da remoto del personale amministrativo: udienze al via dal primo luglio». Nei tribunali saranno installati tutti i presidi di sicurezza necessari.

GLI AEREI
Posti tutti disponibili
Il Sanzio riparte il 19

Gli aerei possono riempirsi completamente. Fino al 30 giugno vietati spostamenti extra Schengen tranne che per lavoro, salute o necessità. Ok a viaggi in Gran Bretagna, Irlanda del nord e da domani anche Albania, Bosnia, Kosovo, Montenegro, Macedonia, Serbia. Da domani ok per Svizzera, Austria e Germania. In Spagna dal 30 giugno, in Francia dal primo luglio. Al Sanzio riparte Volotea dal 19 e Ryanair dal 2 luglio.

GLI SPORT DI CONTATTO
Niente basket e calcetto
Tutto sospeso fino al 25

Se sono consentite «le attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte presso palestre, piscine, centri e circoli sportivi», restano sospesi fino al 25 giugno gli sport da contatto come calcetto con gli amici, le sfide a beach volley, boxe, «se le regioni ma anche i ministri dello Sport e della Salute - ha detto il presidente del consiglio Conte - ne accerteranno la compatibilità con la situazione epidemiologica». 

LE DISCOTECHE
Disco verde tra un mese
(sperando nella Regione)

Sino al prossimo 14 luglio le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, le fiere e i congressi. Le Regioni possono modulare in funzione dei contagi date diverse. Le regole vanno dal distanziamento interpersonale di due metri alla somministrazione di bevande solo al tavolo. Chieste deroghe dai gestori sul tetto standard di 1000 persone e sulla somministrazione anche al bar.

LA MATURITÀ
Il maxiorale di persona
Prime prove mercoledì

La prova di maturità nella forma straordinaria di un maxiorale si svolgerà in presenza ed inizierà il 17 giugno. Le fasi che caratterizzano il maxi orale sono cinque: alla discussione multidisciplinare a partire da un documento proposto dalla commissione, alla presentazione dei percorsi PCTO e a cittadinanza e Costituzione, si aggiungono due momenti che rimpiazzano prima e seconda prova. 

LE CROCIERE
Bloccate le partenze
fino alla metà di luglio

Sono sospesi fino alla metà del prossimo mese i servizi di crociera da parte delle navi passeggeri di bandiera italiana. A quelle battenti bandiera estera impiegate in servizi di crociera invece, è consentito l’ingresso nei porti italiani solo ai fini della sosta inoperosa. Nel frattempo lecompagnie dovranno sanificare gli ambienti e potenziare i servizi di pulizia quotidiani e quelli di refezione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA