Covid, nuovo decreto Ceriscioli: in due sullo scooter adesso si può. Orari allungati e vendite promozionali per i negozi

Giovedì 25 Giugno 2020
Covid, nuovo decreto Ceriscioli: in due sullo scooter adesso si può. Orari allungati e vendite promozionali per i negozi

ANCONA - In due sullo scooter: da oggi si può, anche se in sella alla due ruote non ci sono conviventi. Le precauzioni invece sono ancora un obbligo a cui non si può sfuggire: casco integrale, oppure casco normale più mascherina. È una delle tre nuove disposizioni contenute nell’ultimo decreto firmato dal governatore Luca Ceriscioli nel pomeriggio di ieri e che va ad allentare le misure anti Covid ancora in vigore nelle Marche

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, doccia fredda per beach volley, calcetto e basket: «É ancora rischioso ripartire»

Liste d’attesa, parte la rincorsa: in agenda 680 ore in più e un piano da 5 milioni

Nel documento il presidente ha anche fissato le regole per l’apertura e la chiusura degli esercizi commerciali nelle Marche che va dalle 6 del mattino alle 24, mentre l’apertura domenicale è libera.
 
«I sindaci, sentite le associazioni di categoria, in base alle esigenze di carattere turistico commerciale, ma sempre tenendo in debita considerazione la situazione epidemiologica sul loro territorio - si legge nel decreto - possono limitare o implementare l’orario di apertura e chiusura giornaliera». Regolamentate anche le vendite promozionali: «Trenta giorni prima dei saldi di fine stagione (che quest’anno iniziano il primo agosto), è possibile effettuare le vendite promozionali in deroga alla legge, in considerazione della particolare situazione di sofferenza economica del settore commercio».

Lo stesso decreto stabilisce che, fatta salva la regolamentazione specifica relativa agli sport di contatto, sono consentiti da oggi tutti gli eventi e le competizioni sportive di interesse locale - regolamentati dalle relative Federazioni Sportive, Discipline Sportive Associate ed Enti di Promozione Sportiva - svolti all’aperto e senza la presenza di pubblico. Per i giri in scooter o in moto, come dicevamo, adesso non vige più la regola del convivente come passeggero esclusivo.

Autorizzati anche i viaggi in auto tra persone non conviventi purché siano rispettate le precauzioni previste per il trasporto non di linea. In particolare: presenza del solo guidatore nella parte anteriore della vettura; due passeggeri al massimo per ciascuna ulteriore fila di sedili posteriori; obbligo per tutti i passeggeri di indossare la mascherina.

Ultimo aggiornamento: 13:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA