Il Covid Hospital si sveglia dal sonno lungo quattro mesi e mezzo: tornano i ricoverati all'astronave di Bertolaso

Martedì 27 Ottobre 2020
Civitanova, il Covid Hospital si sveglia dal sonno lungo quattro mesi e mezzo: tornano i ricoverati all'astronave di Bertolaso

CIVITANOVA Dopo quattro mesi e mezzo trascorsi “in sonno”, inoperoso ma pronto a riattivarsi per la seconda ondata, ieri pomeriggio il Covid Hospiral alla Fiera di Civitanova è tornato ad assistere pazienti, quattro in tutto, arrivati dal pronto soccorso di Macerata (1) e da Civitanova (3).

LEGGI ANCHE:

Ondata Covid d'autunno sugli ospedali: già 16 le strutture delle Marche in trincea

Protesta in piazza e cena-sfida al ristorante per 90 persone. Sindaco furioso, arrivano i vigili: multa e chiusura

 

Nei padiglioni dell’ospedale d’emergenza realizzato con fondi privati dal Cisom–Cavalieri di Malta nel padiglione fieristico, chiusi dal 9 giugno scorso, nei prossimi giorni arriveranno altri pazienti sempre dall’Area vasta 3, per liberare gli ospedali di Macerata e Civitanova di pazienti Covid, fino a completare il primo modulo (14 posti letto) di terapia subintensiva. Poi si passerà alla terapia intensiva, con un altro modulo da 14 posti. In tutto ce ne sono 6 nel Covid Hospital, per complessivi 84 posti letto. Ma per ospitare la terapia intensiva, bisognerà impiegare nuovi medici, che potrebbero arrivare anche dalle Forze Armate come anticipato dall’assessore alla sanità Filippo Saltamartini. Ad accogliere i primi pazienti, oltre a medici ed infermieri, ieri era presente la nuova direttrice del Dipartimento emergenza e urgenza dell’Area vasta 3, Daniela Corsi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA