Aiuti Covid: nella piattaforma delle Marche quasi 3mila domande in tre giorni. Il turismo fa la parte del leone

Sabato 20 Giugno 2020 di Maria Cristina Benedetti
Aiuti Covid: nella piattaforma delle Marche quasi 3mila domande in tre giorni. Il turismo fa la parte del leone

ANCONA - Il massimo delle richieste è alla voce “Sostegno alle imprese” dove, al sottoinsieme “operatori del settore turismo”, sono 1.267 le domande per ottenere gli aiuti regionali per risollevarsi dagli effetti della pandemia. Sulla piattaforma digitale, creata da Palazzo Raffaello per far arrivare a destinazione i 210 milioni della manovra anti-Covid, in questo caso ci sarà tempo fino al 28 giugno alle 23 e 59 per non perdere l’occasione.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, doppio zero delle Marche: nessun nuovo positivo e quarto giorno di fila senza morti/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

La sveglia di De Rita: «La carenza di infrastrutture non sia un alibi per l'economia delle Marche»


Poi la finestra telematica si chiuderà. Il minimo si tocca, invece, al capitolo “Allevatori di bovini da carne con linea vacca-vitello”: per ora c’è una sola domanda, ma per farsi avanti ci sarà tempo fino al 30 giugno alle 13.
 
I numeri tornano a impennarsi sulle “Attività produttive, lavoro e istruzione” dove al top c’è il commercio, fino a cinque addetti: per ottenere il contributo a fondo perduto si sono fatti avanti in 644 e la finestra resterà spalancata fino al 7 luglio alle 23 e 59. La curiosità: per acquistare bici e altri veicoli elettrici hanno cliccato in 32 e si potrà continuare a farlo fino a esaurimento risorse. 
Le coop sociali
Dal turismo al commercio, passando per le cooperative sociali, sono 2.765 le domande contate fino a ieri alle 18. Dieci in tutto le misure, aperte e accessibili, su www.regione.marche.it/Entra-in-Regione/Piattaforma-210. Lunedì ne dovrebbero essere caricate altrettante, tra le quali lo sport che raccoglie aiuti per 4 milioni. 
Il via alla campagna di rinascita è scattato il 17 giugno, con la misura numero 1, quella dedicata al sostegno alle imprese e agli operatori del turismo. Per essere della partita è sufficiente convergere sulla piazza virtuale della Piattaforma 210, attraverso la quale, cittadini, professionisti e imprese possono presentare domanda di contributi, la maggior parte dei quali a fondo perduto, come sostegno post-emergenza. 
In tempo reale
In tempo reale e sotto gli occhi di tutti. Questo è il percorso preteso dal governatore Luca Ceriscioli. Che ribadisce un principio, il suo: «È importante informare i cittadini in modo trasparente, come abbiamo fatto per tutte le fasi della pandemia. Continueremo a condividere tutte le notizie sulle misure che via via si apriranno». E s’impegna: «Procederemo velocemente, per liquidare i contributi in tempi brevissimi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche