Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, rilevati altri 49 casi positivi. Ecco le zone delle Marche dove l'allarme è sempre forte / Il contagio nelle regioni

Coronavirus, rilevati altri 49 casi positivi. Ecco le zone delle Marche dove l'allarme è sempre forte / Il contagio nelle regioni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Ottobre 2020, 10:20

ANCONA - Epidemia di coronavirus, flessione alla voce contagi oggi nelle Marche. Ma l'allarme resta alto anche se confortano i dati in diminuzione degli ultimi giorni: 84 i nuovi positivi registrati mercoledì, 66 ieri e 49 invece quelli relativi ad oggi.

LEGGI ANCHE:

Il sindaco migliora ma ci sono altri contagi Covid tra gli amministratori: sotto accusa una cena elettorale

Contagi triplicati: il coronavirus circola nelle Marche a due velocità, ma i ricoveri sono lontani dal picco

IL CONTAGIO NELLE REGIONI IN TEMPO REALE

Il servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 2295 tamponi: 1188 nel percorso nuove diagnosi e 1107 nel percorso guariti. I positivi sono 49 nel percorso nuove diagnosi: 17 nella provincia di Ascoli Piceno, 12 nella provincia di Fermo, 12 nella provincia di Macerata, 6 nella provincia di Pesaro Urbino, 2 nella provincia di Ancona.


Questi casi comprendono soggetti sintomatici (15 casi rilevati), contatti in setting domestico (13 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (8 casi rilevati), rientri dall’estero (Romania), contatti in setting lavorativo (2 casi rilevati), contatti in ambiente di vita/divertimento (4 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (2 casi rilevati. Di 4 casi si stanno effettuando le indagini epidemiologiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA