Coronavirus, balzo dei nuovi positivi, sono 471 nelle Marche: 259 solo nell'Anconetano/ La progressione del contagio

Coronavirus, balzo dei nuovi positivi, sono 471 nelle Marche: più di metà nell'Anconetano
Coronavirus, balzo dei nuovi positivi, sono 471 nelle Marche: più di metà nell'Anconetano
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Febbraio 2021, 11:26

ANCONA - Epidemia di coronavirus, sono stati 471 i nuovi positivi segnalati oggi, mercoledì 17 febbraio, dal Gores nelle Marche. Un numero in crescita rispetto agli ultimi giorni, di nuovo a causa della provincia di Ancona, dove ci sono stati ben 259 positività. Torna a salire anche la percentuale: è risultato infetto il 23,9% dei 2.017 tamponi molecolari nuove diagnosi analizzati, quasi uno un quattro.

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 5891 tamponi: 3483 nel percorso nuove diagnosi (di cui 1466 nello screening con percorso Antigenico) e 2408 nel percorso guariti (con un rapporto positivi/testati pari al 13,5%).

I positivi nel percorso nuove diagnosi sono 471 (56 in provincia di Macerata, 259 in provincia di Ancona, 85 in provincia di Pesaro-Urbino, 17 in provincia di Fermo, 29 in provincia di Ascoli Piceno e 25 fuori regione).

LA PROGESSIONE DEL CONTAGIO

OGGI 19 POSITIVI AI TEST RAPIDI

I 471 positivi comprendono soggetti sintomatici (53 casi rilevati), contatti in setting domestico (89 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (181 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (25 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (3 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (6 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (16 casi rilevati), screening percorso sanitario (4 casi rilevati). Per altri 94 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche. Nel Percorso Screening Antigenico sono stati effettuati 1466 test e sono stati riscontrati 19 casi positivi (da sottoporre al tampone molecolare). Il rapporto positivi/testati è pari all'1%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA