Turismo, i protocolli condivisi insieme a Emilia Romagna e Abruzzo: spiagge libere, tutti a due metri

Martedì 12 Maggio 2020 di Andrea Taffi
Turismo, i protocolli condivisi insieme a Emilia Romagna e Abruzzo: spiagge libere, tutti a due metri

ANCONA  - «Lo abbiamo deciso nella giunta di questa mattina: i nostri protocolli sono stati condivisi insieme all’Emilia Romagna e all’Abruzzo per garantire la stessa linea sulla costa dell’Adriatico centrale». Moreno Pieroni, assessore regionale al Turismo, mascherina con la M vergata in un angolino, scandisce i punti focali dell’estate in trincea delle Marche. Accanto a lui, il governatore Ceriscioli, il presidente Anci Marche Mangialardi e l’assessora Bora. «Gli incentivi? Stiamo studiando - dettaglia l’assessore al Turismo - una rimodulazione della campagna di comunicazione istituzionale che partirà dal 20 maggio su web e media ma oltre al voucher per le famiglie con reddito medio-basso, sotto i 35mila euro, stiamo allestendo una linea di incentivi per l’associazione Marchigiani nel mondo che rappresenta circa 1,5 milioni di nostri corregionali tra i cinque continenti, per invogliarli a passare la vacanze nei luoghi a cui sono legati». 

LEGGI ANCHE:

Via libera a bar, ristoranti e barbieri. Ceriscioli: «Le Marche riaprono il 18 maggio»/ Il protocollo per estetiste e parrucchiere

 
Ecco dunque il punto di arrivo della grande corsa della Regione. Idealmente, sul tavolo della sala riunioni, al settimo piano di Palazzo Raffaello ci sono quattro protocolli: alberghi, villaggi/campeggi, bar/ristoranti e stabilimenti balneari. Concordati e chiusi con le categorie in anticipo su buona parte delle altre Regioni italiane. Ma anche con i sindaci di tutta la regione: «Per questo ringrazio di cuore il presidente - ha detto Mangialardi - è stato fatto un lavoro corale di grande sensibilità». Molti dei dettagli sono stati resi noti nei giorni scorsi nel sentiero della litania che ha già permeato le aziende tornate al lavoro: distanziamento sociale, sanificazione, igienizzazione e dispositivi di sicurezza. Vediamo velocemente i punti salienti.

«Andrà garantita la sanificazione della camera al termine del soggiorno di un ospite. Al desk di ingresso bisognerà predisporre distanziamento, mascherine e gel antisettici. Al buffet vietati assembramenti, i camerieri non porteranno vassoi ma piatti». Ci saranno differenziazioni tra una zona turistica e l’altra? Inteso: il Pesarese avrà le stesse regole degli altri litorali? Risposta secca: «Sì, tutte le zone sono uguali».

«Per quanto riguarda camping e villaggi - continua Pieroni - due sono i punti delicati. Per i bagni ci saranno tre sanificazioni giornaliere e igienizzazione continua. Regolamento piscine: lettini a due metri l’uno dall’altro e in un raggio di 10 metri quadrati potranno stare 4 persone». 

L’assessora Manuela Bora passa in rassegna la questione di bar e ristoranti. «Intanto una informazione di servizio scaturita dalla conferenza Stato Regioni - inizia la titolare delle Attività Produttive - i saldi sono posticipati al primo agosto. Le regole di convivenza ai tavoli saranno: tutto normale per clienti dello stesso nucleo familiare. Se ci sono comitive ci sarà obbligo di distanziamento di 1 metro tra sedia e sedia o sedutafrontale. Oppure obbligo di predisporre le barriere plexiglass». 

Infine gli stabilimenti balneari per i quali molto già si sapeva. Le ultime questioni: «Le docce calde - conclude Pieroni - al chiuso se possibile vanno evitate. Meglio andare all’aperto. Ogni ombrellone avrà una superficie di 10,5 metri quadrati, impossibile che sia utilizzato da due famiglie. Nelle spiagge libera asciugamani ad almeno due metri di distanza e ombrelloni a 4 metri di distanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA