Coronavirus nelle Marche, stop alle gite scolastiche. Il governatore detta le regole anti-contagio. La Lega chiede di più: chiudere le scuole

Lunedì 24 Febbraio 2020
Coronavirus nelle Marche, stop alle gite scolastiche. Il governatore detta le regole anti-contagio. La Lega chiede di più: chiudere le scuole
ANCONA - Da Nord a Sud le Marche si attrezzano per fronteggiare una emergenza coronavirus. Mentre sono state annullate alcune gite scolastiche, il carnevale di Fano non si è lasciato intimorire dal contagio e alla sfilata hanno assitsito migliaia di spettatori.

LEGGI ANCHE: ​Tornano da un viaggio in Cina, i connazionali li chiudono in casa per dieci giorni

Lo stop ai viaggi degli studenti tuttavia è dovuto anche alle ultime regole dettate dal  consiglio dei ministri per limitare al massimo i possibili contagi: stop ai viaggi d’istruzione fino a nuove disposizioni.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, Conte da Barbara D'Urso: «Non sprecherò un secondo del mio tempo per le beghe politiche»

La Regione invece ieri ha esortato i marchigiani ad attenersi ad alcune disposizioni: «Limitare gli spostamenti, evitare i luoghi affollati, fare attività di prevenzione secondo le indicazioni già diffuse dall’Istituto superiore di Sanità e dal Ministero della Salute». La cautela In particolare il governatore Luca Ceriscioli ha ribadito che «al momento non ci sono casi di positività, tutti i tamponi fatti sono risultati negativi. Non bisogna fare inutile allarmismo ma neanche sottovalutare un problema importante».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, le risposte alle dieci domande che tutti si fanno: quanto tempo resiste? Quando si rischia la morte?

Tutti i servizi sono attivati, tranquillizza il presidente: «Ma i cittadini che hanno dubbi rispetto al loro stato di salute non devono recarsi in ospedale, né negli studi dei loro medici, ma devono contattare telefonicamente il numero nazionale 1500 o telefonare ai medici di medicina generale o, durante gli orari in cui non c’è la reperibilità, la guardia medica, che fornirà le indicazioni in base alle singole situazioni». 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, allarme dalla Cina: uomo mostra sintomi dopo 27 giorni. «La quarantena non basta». Altri 97 morti, due sono medici

Intanto il consigliere regionale delle Marche Mirco Carloni (Lega), chiede l’adozione di provvedimenti speciali, come quelli adottati con ordinanza in Emilia Romagna. «Mi rivolgo al presidente Ceriscioli ritenendo necessario oltre che prudente, nel solo interesse della popolazione - scrive -, che anche la nostra Regione emani un’ordinanza come hanno fatto le altre Regioni a noi vicine. Invito il presidente a non attendere oltre e pertanto anche nelle Marche vanno sospese le attività scolastiche e aggregative in via prudenziale per evitare anche solo la possibilità di contagio visto che è in ballo la salute dei nostri concittadini».

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la virologa Ilaria Capua: «È una brutta influenza, meglio non andare in giro. Le Asl aiutino chi è in quarantena» Ultimo aggiornamento: 12:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA