Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Effetto Bolkestein, Assenti (Confesercenti): «Si potrà perdere tutto dall'oggi al domani, un sistema assurdo»

Sandro Assenti, Confesercenti Marche
Sandro Assenti, Confesercenti Marche
di Alessandra Clementi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 16 Febbraio 2022, 02:10 - Ultimo aggiornamento: 15:19

SAN BENEDETTO - Sandro Assenti, presidente regionale della Confesercenti. Cosa ne pensa degli emendamenti approvati ieri dal Consiglio dei Ministri? 
«Sono emendamenti discriminanti e l’intera direttiva andrà a dequalificare l’offerta turistica visto che gli imprenditori balneari non affronteranno alcun investimento in questi anni».


Ci spiega meglio?
«Sono stati fissati criteri che vanno a discriminare gli imprenditori che hanno altre attività oltre agli chalet e questo è assurdo: oggi quasi tutti i titolari degli stabilimenti posseggono anche ristoranti, bar o alberghi. Per non parlare del fatto che non si fa menzione di indennizzi e premialità per i concessionari, mentre si dovrebbe tenere conto se si è gestita una concessione per tanti anni». 


Cosa secondo lei è sbagliato? 

«Non si fa menzione delle reali risorse a livello di arenili. La direttiva si rifà a una mappatura stilata dalla Legambiente, mentre si dovrebbe davvero constatare se in questo litorale c’è scarsità di risorse. Nel nostro caso le spiagge ci sono e abbondanti. A questo punto la Bolkestein si potrebbe occupare delle spiagge libere. Inoltre fin dall’inizio si è detto che la direttiva avrebbe riguardato i servizi e non i beni, quindi gli stabilimenti dovrebbero essere esclusi. Non a caso una parte del Parlamento sta lavorando per definire e chiarire questo aspetto». 


Quale sarà il rischio di questa direttiva nel breve periodo?
«L’incertezza che comporta la Bolkestein e la sua applicazione spingeranno gli imprenditori a non investire sulle proprie strutture e questo andrà a dequalificare l’offerta turistica. Con questa incertezza nessuno spenderà più per rinnovare o migliorare il proprio stabilimento». 


Cosa spera a questo punto? 
«Che la bozza possa essere rivista. Il dramma è che viene ribadito il fatto che si andrà all’asta, quando fino a ieri le concessioni per gli stabilimenti balneari venivano rinnovate automaticamente mentre oggi si può perdere tutto dalla sera alla mattina».

© RIPRODUZIONE RISERVATA