Carceri nelle Marche, «sovraffollamento preoccupante» a Montacuto e Pesaro

Nelle sei strutture marchigiane presenti complessivamente 907 detenuti su una capienza regolamentare di 837

Carceri nelle Marche, «sovraffollamento preoccupante» a Montacuto e Pesaro
Carceri nelle Marche, «sovraffollamento preoccupante» a Montacuto e Pesaro
2 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Dicembre 2023, 14:56

Ecco la situazione dei sei  istituti penitenziari marchigiani con la fotografia dei dati rilevati dal Ministero di Giustizia al 30 novembre: complessivamente i detenuti presenti risultano essere 907 (294 stranieri e 24 donne), per una capienza complessiva di 837, di cui 80 con condanne non definitive e 36 in semilibertà. «Il sovraffollamento è senza dubbio preoccupante – commenta il Garante Giancarlo Giulianelli - soprattutto per quanto riguarda le due punte dell’iceberg che registriamo, ancora una volta, a Montacuto di Ancona e Villa Fastiggi di Pesaro. E’ pur vero che essendo due Case circondariali le presenze risultano essere fluttuanti, ma i picchi sono comunque degni di nota. Questa situazione crea problemi agli stessi detenuti ed a chi quotidianamente deve portare avanti il proprio lavoro per garantire la vivibilità e la sicurezza delle strutture.

E sappiamo come gli organici, in tutti i settori, al momento non corrispondano alle reali esigenze».

I numeri


Nello specifico a Villa Fastiggi risultano presenti 240 detenuti (104 stranieri) su una capienza regolamentare di 153, mentre a Montacuto sono 330 (108) su 256 posti disponibili. A Barcaglione situazione stabile con 95 presenze (37 gli stranieri) su 100; a Marino del Tronto di Ascoli Piceno 111 detenuti (26 stranieri) su 103; a Fermo 43 (17) su 43. Per quanto riguarda Fossombrone i detenuti attualmente nella struttura sono 88 (2) su una capienza regolamentare di 182, ma c’è sempre da considerare il reparto chiuso per ristrutturazione. Prosegue, intanto, l’azione di monitoraggio portata avanti dal Garante che prevede colloqui periodici con i detenuti e con il personale che opera negli istituti penitenziari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA