L'assessore Pieroni alla Bit: «Entro aprile un bando per riqualificare duemila strutture balneari nelle Marche»

Domenica 9 Febbraio 2020
Laurenzi, Pieroni e Polacco alla Borsa italiana del turismo a Milano
ANCONA - Un bando per riqualificare le 2mila strutture balneari marchigiane entro aprile e riforma, entro marzo, del Testo unico del turismo per semplificare, riorganizzare le norme sull'accoglienza. Sono due novità annunciate dall'assessore regionale a Cultura e Turismo Moreno Pieroni che ha tracciato un bilancio delle politiche turistiche durante un evento alla Bit di Milano dedicato al tema «Turismo 2020: tempo di consuntivi e di nuova programmazione». Evento al quale hanno parteciopato anche il direttore del Corriere Adriatico Giancarlo Laurenzi e il direttore di Confcommercio Marche Massimiliano Polacco. «In questi anni, segnati anche da gravi difficoltà ed incertezze abbiamo superato dal punto di vista del turismo il dramma del terremoto e, riportando in quelle aree flussi che hanno fatto segnare un + 20%, abbiamo costruito una prospettiva reale di sviluppo del turismo per le Marche» ha sostenuto Moreno Pieroni. «Il programma di governo che si era posto l'obiettivo di fare del turismo il secondo motore di sviluppo della regione  è stato avviato e reso operativo: siamo sulla strada del raggiungimento -ha spiegato ancora l'assessore regionale -, avendo coinvolto gli operatori, le associazioni, le imprese del turismo, ma certo dobbiamo e vogliamo fare ancora meglio». Uno degli obiettivi infatti è «dare continuità alle scelte, come riqualificare le 8.200 strutture recettive delle Marche. Abbiamo cominciato impiegando 25 milioni di euro»; «ad aprile uscirà un bando per riqualificare le 2mila strutture balneari costiere. È una priorità la qualità dell'accoglienza, ancor di più dopo il riconoscimento Lonely Planet». «Partiamo da numeri significativi che dobbiamo ritrovare anche nel mercato estero, vero vulnus del nostro sistema turistico - ha sostenuto Moreno Pieroni -. Riconquistare l'estero è la sfida delle sfide dei prossimi tre anni e con il rilancio dell'Aeroporto e nuovi collegamenti anche e soprattutto con l'Europa del Nord sarà più agevole, considerando anche l'esigenza di una destagionalizzazione dell'offerta». 

Pieroni ha ricordato che la Regione ha investito Fondi europei per la promozione con una «crescita esponenziale negli anni che sta dando grandi risultati: dagli 8 milioni del 2013, ai 48 milioni tra il 2016 e il 2020. Abbiamo programmato 166 milioni nel prossimo quinquennio: ci permetterà il vero salto in avanti perché il turismo diventi davvero l'elemento trainante dell'economia regionale. Adesso è una macchina lanciata che non si può fermare, ma porta al traguardo solo se alimentata da ulteriore benzina». 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA