L'abbigliamento "Made in Italy" in realtà arriva dalla rotta balcanica: maxi sequestro e importatori denunciati

Venerdì 7 Maggio 2021
L'abbigliamento "Made in Italy" in realtà arriva dalla rotta balcanica: maxi sequestro e importatori denunciati

ASCOLI - "Made in Italy" o addirittura "prodotto in Italia", ma non è vero nulla, maxi sequestro della Finanza su miglia di prodotti di abbigliamento giunti in Italia lungo la "rotta balcanica". Denunciari i responsabili delle ditte importatrici, anche nelle Marche ed in particolare a Fermo e Ascoli.

Contagi in discesa ma l’indice Rt risale, meno ricoveri: Marche in zona gialla. Per ora

La Guardia di Finanza di Treviso, ha sequestrato 23.300 capi d'abbigliamento (t-shirt, pantaloncini, scarpe, ciabatte, calzini), del valore di circa 300.000 euro, tutti con false diciture quali «Made in Italy» e «Prodotto in Italia». I prodotti sono stati rinvenuti a bordo di autoarticolati e camion fermati dai finanzieri all'uscita dei caselli autostradali di Meolo/Roncade e Venezia Est, che insieme registrano ogni anno il passaggio di oltre 5 milioni di veicoli, in buona parte provenienti dalla cosiddetta «rotta balcanica». Insieme al sequestro della merce, sono state denunciate 15 persone, tra cui gli amministratori delle aziende che hanno importato i prodotti con sede nelle province di Modena, Teramo, Ascoli Piceno e Fermo.

 

Ultimo aggiornamento: 15:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA