«Insulti e minacce dai no vax»
Infermiera alla berlina su Fb

«Insulti e minacce dai no vax»
Infermiera alla berlina su Fb
Un esposto in procura
ANCONA - Questa volta va detto: la violenza verbale, l’intimidazione, l’italiano claudicante e l’effetto gregge non hanno atteso la tastiera. Si sono scatenati dal vivo, in un coraggioso faccia a faccia tra no vax e una malcapitata infermiera che aveva deciso di ascolta il dibattito in consiglio regionale, nel corso del quale è stata approvata la Legge 95 sulle linee guida per le vaccinazioni. 

Era l’8 agosto. Il racconto della donna lo scorso 3 ottobre è diventato una querela a carico di un manipolo di internauti e di tre persone, due delle quali segnalate con nome e cognome e una terza indicata attraverso una foto scattata durante la seduta in piazza Cavour. Riassumendo le fasi di quel pomeriggio agostano la vittima (oggi rappresentata dall’avvocato Emanuela De Zio del foro di Ancona) è stata prima riconosciuta e additata in quanto pro vax e poi accusata di voler fare carriera con questa sua posizione. Ma una volta lasciata l’aula consigliare le è stato di fatto impedito di raggiungere la sua auto, accerchiata da alcuni paladini esantematici free. Solo l’intervento di un carabiniere le ha permesso di liberarsi degli indesiderati interlocutori. Ma raggiunta la sua abitazione si è accorta che la querelle era continuata a distanza. Tramite social ovviamente. 
E come da tradizione 2.0 almeno 22 internauti del gruppo Facebook, Vaccini (it) Genitori per la vita (fatta salva la profusione di like) hanno dato il meglio del loro repertorio, come puntualmente allegato all’esposto presentato alla procura di Ancona, attraverso una serie di screenshot. 

Alle 17.33 di quello stesso pomeriggio (cioè durante i lavori consiliari) hanno aperto le danze postando sul gruppo nome e cognome dell’infermiera dandole dell’infiltrata. Il post dà il via a un dibattito che prosegue per 24 ore di pertinenza strettamente femminile in cui, coloro che si presume essere madri attente e impegnate a salvare la vita dei loro bambini, si trasformano in amazzoni del web. Sostengono il fatto che, la donna presa di mira sia infiltrata, scema di turno, provocatrice prezzolata, senza vergogna, impegnata ad augurare il male, da buttare fuori a calci, in cerca di notorietà, squallida, senza cuore che pensa solo hai soldi, più adatta alla tangenziale che alla sanità. Poi l’Epifania intorno alle 22.45: «Le rode er culo che nei articoli risulta solo come una mamma provax... poteva diventare vip». E siccome (parlando di quantità e non di qualità) in media sui social vige l’onagrocrazia, scrive in conclusione la firmataria della denuncia: «Tutto questo ha creato non pochi disagi alla mia famiglia: mio marito e i miei figli sono tutt’ora oggetto di derisione almeno quanto me». 

In base a questo racconto e alle informazioni allegate all’esposto l’avvocato De Zio chiede all’autorità giudiziaria di verificare se, all’interno di tale genuino scambio di post, siano individuabili i reati di diffamazione e minacce. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerd├Č 6 Ottobre 2017, 10:48 - Ultimo aggiornamento: 06-10-2017 11:49

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO