Porto, Garofalo non si vede e intanto arrivano i revisori. Ecco che cosa blocca ancora l'ufficializzazione della nomina

Porto, Garofalo non si vede e intanto arrivano i revisori. Ecco che cosa blocca ancora l'ufficializzazione della nomina
Porto, Garofalo non si vede e intanto arrivano i revisori. Ecco che cosa blocca ancora l'ufficializzazione della nomina
di Andrea Taffi
4 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Novembre 2021, 04:00 - Ultimo aggiornamento: 15:17

ANCONA - Ormai è uno stillicidio. Oltre i pasticci, i veti, i cappelli sopra i candidati, le trattative, i colpi di scena, adesso che un presidente in pectore c’è per il porto di Ancona il paradosso è che bisogna aspettare. Undici mesi e 20 giorni di attesa per un nuovo inquilino a Molo Santa Maria portano questa storia anche oltre il parto con travaglio indotto alla fine del tempo massimo per aspettare una nomina così tribolata.

Covid, nelle Marche la quarta ondata dei no vax. Nei Comuni è allarme focolai

Dunque non è bastato neanche mettersi d’accordo tra il ministro Giovannini e i governatori Acquaroli e Marsilio in quel famoso giovedì 11 novembre. Il titolare di Porta Pia si era preso 24 ore per riflettere e sono passati dieci giorni.


Nel limbo
Del resto, se è stato sempre scritto che la questione era solo politica ora che è diventata “quasi” politica (Enzo Garofalo, alla fine, era l’unico candidato del lotto che aveva ricoperto la carica di presidente di Authority) non c’è da meravigliarsi dell’ultimo intoppo. Che non è al porto Ancona o in Abruzzo, né sulla strada che dall’ufficio di Valeria Mancinelli porta al settimo piano di Palazzo Raffaello. Ma è a Catania dove sempre la politica non riesce a mettersi d’accordo e a guardar bene c’è un po’ di Ancona. Sotto l’Etna dove Garofalo pareva fosse destinato per ragioni di prossimità territoriale, il primo nome della fila è Luca Lupi, dirigente dell’Autorità di sistema Tirreno Centrale, molto apprezzato dal Movimento 5 Stelle, si dice. Lupi è quello che a un certo punto sembra fosse nella prima cinquina di candidati con Africano, Carrabs, Messineo e Giampieri. Poi invece non si era presentato. Ma ad Acquaroli non dispiaceva: ormai roba di un secolo fa. 


I tasselli da incastrare

La sintesi politica non è mai facile, come abbiamo visto per il caso Garofalo (e prima ancora per Africano, impallinato lungo la curva più lontana dal rettilineo finale) e nei casi più bizzarri, come questo, diventa imprevedibile: il via libera al presidente di Ancona designato passa dall’incrocio imprevisto con l’Autorità della Sicilia orientale e dai veti politici che – tanto per cambiare – si stanno verificando anche in Sicilia. Il particolare più divertente è che il 15 novembre il ministro Giovannini ha nominato i nuovi revisori del conti per l’Autorità di Sistema Portuale Adriatico Centrale: si tratta di Biagio Giordano (presidente), Paola Marini (erano entrambi nel collegio di Taranto fino al 2020) e Mohammad Baheli effettivi; Elisabetta Pioli e Francesca Ferretti supplenti. Dunque: intanto i revisori, più avanti il presidente per il decreto di intesa con le Regioni Marche e Abruzzo. Quanto più avanti? L’auspicio è che la questione si possa cucinare questa settimana ma vista la piega presa dalla storia, c’è anche chi teme che Giovannini possa avocare a sé le nomine con la cosiddetta norma Matteoli.


I rischi da non sottovalutare
I più esperti dicono che “rigore è fino a che arbitro non fischia”, parafrasando una delle massime più celebri dell’allenatore di calcio Boskov. Del resto, ci sono solo da presentare i progetti per il Pnrr per non perdere decine e decine di milioni con progettazioni che scadono a fine 2022. Ma di questo passo e tenuto conto anche dell’iter parlamentare, il nuovo presidente non sarà operativo neanche per il 7 gennaio. Il segretario non arriverà prima di febbraio e sarà un mezzo disastro per Ancona. Il commissario Pettorino è pregato, ma in realtà lo sta già facendo, di andare avanti a tamburo battente con le progettazioni sennò tra qualche mese potremmo dover raccontare uno scandalo più grosso di una sede portuale senza presidente per più di un anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA