Addio all’isola greca. Il Sanzio ora spera in Barcellona e Parigi. Le mete garantite dall'aeroporto delle Marche: chi entra, chi esce e chi resta

Confermati i collegamenti con Londra. Voli quasi ogni giorno per Sicilia e Sardegna

Giovedì 21 Aprile 2022
L'aeroporto delle Marche

ANCONA - La stagione estiva è alle porte e l’aeroporto Sanzio prova a riprendere quota mettendo sul piatto un nutrito bouquet di mete per le vacanze, benché qualche pezzo da novanta sia ancora in stand by. Si sta lavorando per riconfermare il volo stagionale su Barcellona - riattivato dalla compagnia Vueling lo scorso anno dopo una lunga assenza dai tabelloni degli arrivi e delle partenze dello scalo marchigiano – ma ancora non compare nella programmazione. 

Rincari sui cantieri del terremoto: «L’aumento del 15% non coprirà i costi». L’assessore Castelli: «Siamo tra il 25 e il 30%». Il governatore: «Ricostruzione a rischio»

 

 

La compagnia Vuelig
Stessa sorte per la rotta verso un importante capitale europea, Parigi, destinazione dai trascorsi travagliati: il volo sarebbe dovuto decollare con la compagnia Transavia già ad aprile 2021 ma, anche a causa delle enormi difficoltà che la pandemia ha causato all’intero settore, scomparve dai radar. La seconda occasione è arrivata con il bando emanato dalla Regione e chiuso lo scorso 30 novembre, con l’aggiudicazione della tratta parigina questa volta operata dalla Vueling. Tuttavia, come per Barcellona, è un work in progress e si spera di riuscire ad inserirla in corsa in agenda. È invece definitivo l’addio al volo che avrebbe dovuto collegare Ancona ad una mai meglio specificata isola greca: in uno dei bandi per le nuove rotte pubblicati a più riprese da Palazzo Raffaello dal 2020 – l’ultimo in ordine di tempo scade domani -, la low cost Volotea si era offerta di garantire due rotazioni a settimana, da giugno a settembre 2022, ma le turbolenze che hanno scosso il settore nell’ultimo biennio, hanno rimescolato le carte in tavola ed il collegamento diretto con il mare ellenico rimane per ora un miraggio.
Al netto delle incognite e delle defezioni, resta comunque variegato il portfolio di voli garantiti dallo scalo regionale durante l’estate (e non solo). A partire da Londra: per lungo tempo una certezza dei marchigiani, questa destinazione era stata messa in stand by dall’effetto domino del Covid. Dal 2021, però, la low cost Ryanair era ripartita con la tradizionale programmazione annuale, confermata anche per il 2022. 


Tirana senza problemi
Oltre alla capitale inglese (voli giornalieri), la compagnia irlandese porta con sé le rotte per Bruxelles Charleroi (lunedì, mercoledì, venerdì e domenica), per Dusseldorf (lunedì e venerdì) e per Cracovia (mercoledì e domenica), città polacca entrata nei tabelloni marchigiani nel 2021. Per chi volesse raggiungere la capitale albanese Tirana, invece, c’è l’imbarazzo della scelta: il volo targato Albawings opera il giovedì e la domenica, mentre Wizz Air copre il lunedì, mercoledì e venerdì. Chiude la mappa delle mete europee Monaco di Baviera sulle ali di Lufthansa, che per la stagione estiva implementa la frequenza: già operativa tutti i giorni, dal 2 maggio al 29 ottobre la tratta avrà una doppia rotazione dal giovedì alla domenica. Dulcis in fundo, le mete di casa nostra. Per chi stesse progettando una vacanza di mare, occhi puntati sulla programmazione dell’aeroporto perché Sicilia e Sardegna saranno raggiungibili in volo quasi tutti i giorni. Nel primo caso, è già possibile decollare alla volta di Palermo (il lunedì, mercoledì, venerdì e la domenica) e di Catania (tutti i giorni) con Volotea, mentre la rotta per Trapani è operata il lunedì ed il mercoledì da AlbaStar. Dal 27 maggio (e fino al 7 ottobre), partiranno invece le rotazioni del martedì e del venerdì per Olbia, a cui si aggiunge l’altra meta sarda che compone il poker calato da Volotea: si tratta di Cagliari, città verso la quale si potrà volare dal 28 maggio all’8 ottobre, il mercoledì ed il sabato. Un ventaglio di 11 destinazioni con cui il Sanzio tenta di rialzarsi dopo il periodo nero del Covid e le incognite generate dal complesso contesto internazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 16:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA