Sorpreso mentre accudisce le piante di marijuana alte due metri: arrestato un ragazzo

Mercoledì 5 Agosto 2020
Valfornace, sorpreso mentre accudisce le piante di marijuana alte due metri: arrestato un ragazzo

VALFORNACE - Sorpreso a coltivare nove piante di marijuana, in manette un 29enne di Roma. L’arresto è scattato ieri mattina dopo una nottata di appostamenti eseguiti dai carabinieri di Valfornace e di Fiastra. Tutto è iniziato nella tarda serata di lunedì quando i militari hanno notato dei movimenti sospetti di un giovane. 

LEGGI ANCHE:
La folle bravata di una decina di ragazzi: si stendono in strada e poi schivano le auto

Il finto tecnico dell'acqua fa entrare il complice e scatena la violenza: anziana imbavagliata, chiusa in camera e rapinata

Qualche tempo prima ai carabinieri era arrivata la voce che in una zona isolata c’era una persona che coltivava sostanza stupefacente. I militari hanno quindi deciso di approfondire i controlli per verificare la fondatezza di quella voce ed effettivamente hanno notato un giovane che si aggirava nei dintorni di località Le Cese, una zona poco frequentata che ricade nel territorio di Valfornace.
 
A quel punto è stato disposto un servizio di Ocp, osservazione, controllo e pedinamento che ha avuto il suo culmine la notte tra lunedì e ieri. Dopo la mezzanotte i militari delle due Stazioni hanno effettuato un appostamento nei paraggi del casolare finito nel mirino degli inquirenti che è andato avanti ad oltranza per tutta la notte. Alla fine, verso le 9 di ieri è arrivato il giovane che ha aperto la recinzione e ha iniziato a prendersi cura delle piante di marijuana che erano all’interno, in totale nove, tutte dell’altezza di circa due metri con diverse infiorescenze. 
L’intervento
Alcune piante erano state buttate a terra dal vento e il giovane si era premurato di rialzarle e di curarle. È stato in quel momento che i carabinieri sono intervenuti, qualificandosi e dando inizio agli accertamenti del caso. Il giovane, identificato, è risultato essere Eric Toeschi, 29enne originario di Roma, incensurato, che dalla capitale si era spostato nell’entroterra maceratese per effettuare un lavoro stagionale. I carabinieri delle Stazioni di Valfornace e Fiastra lo hanno arrestato e, su disposizione del pubblico ministero di turno, il sostituto procuratore Enrico Riccioni, lo hanno posto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida davanti al giudice per le indagini preliminari. Il 29enne, difeso dagli avvocati Gian Claudio e Tiziano Luzi, in quell’occasione potrà decidere se rispondere alle domande del gip oppure avvalersi della facoltà di non rispondere.

Ultimo aggiornamento: 15:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA