Sceglie di vivere a Fiordimonte e apre il lavandeto di famiglia. Flavio Orsolini a 24 anni si è trasferito da Roma per lavorare le terre del bisnonno

Sceglie di vivere a Fiordimonte e apre il lavandeto di famiglia. Flavio Orsolini a 24 anni si è trasferito da Roma per lavorare le terre del bisnonno
Sceglie di vivere a Fiordimonte e apre il lavandeto di famiglia. ​Flavio Orsolini a 24 anni si è trasferito da Roma per lavorare le terre del bisnonno
di Giulia Sancricca
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Maggio 2024, 02:55 - Ultimo aggiornamento: 12:18

VALFORNACE Dallentroterra c’è’ chi sogna di partire. E chi, invece, di tornare. Poi ci sono coloro che i sogni li trasformano in realtà, perché forse è proprio il contatto con la terra che li spinge a non arrendersi e a mantenere la barra dritta verso l’essenziale. Quella di Flavio Orsolini è una storia che racchiude in sé tutto questo, avvolta dall’odore buono della lavanda.

È lui che da Roma si è trasferito a Fiordimonte di Valfornace nel 2018, quando aveva 24 anni, e ha deciso di valorizzare i terreni del suo bisnonno Decio per dare il via al lavandeto “La Melanda”. Diplomato all'Istituto Agrario e di professione giardiniere, condivide il suo progetto con la sorella Cecilia, la mamma Maria Rita e il padre Decio.

Il lavoro

Lavorano duro per sistemare il terreno, mettendo a terra, nel tempo, circa 4mila piantine di Lavanda Vera.

Nel frattempo Flavio si sposa con Martina: il sì proprio nel lavandeto dove ora scorrazza anche sua figlia Vittoria. Una scelta di vita che coincide anche con il ripopolamento di una parte di montagna segnata dagli effetti del terremoto. Mentre aspettano di rientrare nelle proprie case, alcuni di loro vivono nelle Sae e ogni giorno sistemano il lavandeto, facendo tutto a mano: il raccolto, tramite laboratori specializzati, viene usato per oli essenziali, idrolati, prodotti per la cura del corpo e per la casa.

Un lavoro di squadra che cresce giorno per giorno, tanto che la famiglia Orsolini aprirà le porte dell’azienda, sabato, per una giornata inaugurale che comincerà alle 10 con il taglio del nastro da parte del sindaco Massimo Citracca. Di seguito è prevista la visita al lavandeto, al laboratorio di trasformazione e una colazione con i dolci al sapore di lavanda. Nel pomeriggio prosegue il racconto al lavandeto per grandi e piccoli, con animazione e merenda.

«Per i prodotti che faremo degustare, stiamo collaborando con diverse aziende del territorio - dice il giovane imprenditore -. Per noi questo è un altro nuovo passo in attesa che la nostra azienda possa crescere in futuro anche con i prodotti del nostro meleto. Abbiamo deciso di vivere e lavorare qui dove sono nati i miei antenati, posti che ho vissuto fin da bambino e che fanno parte di me. È una sfida impegnativa ogni giorno, ma con l’appoggio della mia famiglia si va avanti con determinazione ed entusiasmo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA