Urbisaglia, rubano la cassaforte
i vicini li scambiano per operai

Sull'episodio indagano i carabinieri
Sull'episodio indagano i carabinieri
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Febbraio 2016, 10:59 - Ultimo aggiornamento: 17:29

URBISAGLIA - Stordiscono a calci un pitbull, smurano una cassaforte e portano via cinque fucili, due pistole da collezione, l’oro di famiglia e denaro, per un bottino da circa 30 mila euro. Adesso è caccia alla banda di malviventi. E’ accaduto martedì scorso a Urbisaglia.
In base a quanto emerso, ad entrare in azione, verso le 19, sarebbe stata una banda di cinque persone. Una volta raggiunto un condominio, un malvivente sarebbe rimasto all’ingresso a fare da palo, mentre in quattro sono entrati dal garage, hanno risalito le scale condominiali poi, arrivati al secondo piano, sono usciti dalla finestra e sono saltati nel terrazzo di un appartamento. Lì hanno forzato la finestra e sono entrati. Nella casa - dove vivono una donna e il figlio - in quel momento c’era solo il cane, una femmina di pitbull. Una volta reso il cane inoffensivo i ladri si sono recati in una stanza dove c’era una cassaforte a muro. Probabilmente con un piede di porco sono riusciti a smurarla e a portarla via. In casa non avrebbero toccato altro.
Quando i ladri sono scesi con la cassaforte sarebbero stati visti da alcuni vicini, ma sembra che nessuno di loro abbia dato l’allarme credendo che si trattasse di operai di una ditta. Alla fine tutta la banda sarebbe salita sulla macchina, una Golf che sarebbe stata rubata, caricando anche la cassaforte per poi sparire nel nulla. All'interno della cassaforte, dunque, erano custoditi cinque fucili da caccia e due pistole usate durante la seconda guerra mondiale. In più c’erano monili in oro di famiglia e del denaro. Ad accorgersi del furto è stata la donna al rientro a casa dalla spesa. Subito il colpo è stato segnalato ai carabinieri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA