La minaccia choc alla moglie: «Se provi a lasciarmi ti ammazzo». Un 49enne a processo per maltrattamenti e violenza sessuale

Martedì 19 Ottobre 2021 di Benedetta Lombo
La minaccia choc alla moglie: «Se provi a lasciarmi ti ammazzo». Un 49enne a processo per maltrattamenti e violenza sessuale

TREIA  - «Prova a lasciarmi che ti ammazzo», «Scavati la fossa perché sei già una persona morta», e ancora «Ti sparo in testa, ti faccio un foro in fronte». Sono solo alcune delle minacce che un 49enne avrebbe rivolto alla moglie nel corso della loro convivenza.

 

La donna, quando si è rivolta alla polizia ha parlato anche di altro, delle botte, delle aggressioni fisiche e sessuali, un inferno che avrebbe vissuto fino ad ottobre del 2017 anche davanti ai figli minorenni. Le violenze, a suo dire, sarebbero scaturite da una gelosia immotivata nei suoi confronti, a tal punto che quando lui era fuori per lavoro e la chiamava per vedere se era a casa, sarebbe arrivato a chiederle di strizzare la coda del gatto per sentire il miagolio dell’animale. Nella denuncia la donna aveva ripercorso la storia con il marito, le difficoltà economiche vissute in passato, i lavori fatti dal marito e le case cambiate quasi ogni anno, passando da un comune all’altro del Maceratese fino ad arrivare a Treia.

La donna ha riferito di una gelosia morbosa nei suoi confronti e del fatto che il marito le avrebbe proibito di andare a lavorare, se non per qualche mese in una ditta di pulizie dove lavorava anche un parente di lui, mentre un’altra volta aveva lavorato in un bar ma per soli due giorni finché il marito era entrato e l’aveva vista parlare con un cliente. La donna ha poi aggiunto che una volta afferrandola per i capelli l’aveva sbattuta contro un palo facendola finire al pronto soccorso (15 giorni di prognosi).

Non solo. Il 49enne l’avrebbe anche costretta a subire rapporti sessuali nonostante la sua contrarietà, con la minaccia di sbattere le porte e di urlare per svegliare le figlie. L’uomo, difeso dall’avvocato Donatello Prete, è sotto processo accusato di maltrattamenti in famiglia, lesioni e violenza sessuale. Prossima udienza a marzo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA