Litiga con il fratello e lo aggredisce, un uomo di 52 anni finisce in manette

Martedì 28 Dicembre 2021 di Benedetta Lombo
L'operazione è stata condotta dai carabinieri

TREIA - Litiga con il fratello e lo aggredisce la mattina di Natale, ferito, finisce in manette  unn52enne piantonato dai carabinieri nel reparto di Psichiatria dell’ospedale di Macerata. È accaduto nelle primissime ore del 25 dicembre scorso quando i carabinieri della Stazione di Treia sono intervenuti in un’abitazione dove era appena scoppiata una lite, da quanto emerso per futili motivi e vecchi rancori, tra due fratelli. A dare l’allarme era stata la madre. In base a quanto ricostruito il 52enne avrebbe aggredito il fratello più piccolo, quest’ultimo per difendersi aveva preso un coltello e nella colluttazione aveva ferito il fratello più grande all’addome. 

Il 52enne è stato trasportato in ambulanza all’ospedale maceratese dove i medici gli hanno prestato le cure del caso (prognosi di sette giorni). Dell’accaduto è stato informato il pubblico ministero di turno Enrico Riccioni, il 52enne è stato arrestato per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni aggravate e trattenuto nel reparto psichiatrico dove è costantemente piantonato dai carabinieri. Questa mattina sarà accompagnato in Tribunale per essere processato per direttissima.

Nei giorni a cavallo del Natale i carabinieri della Compagnia di Macerata sono stati impegnati in servizi di controllo straordinario su tutto il territorio di competenza per garantire la sicurezza dei cittadini e verificare il rispetto della normativa anti Covid-19. Nel corso dei servizi sono state identificate 485 persone e sottoposti a controllo 481 auto e 234 esercizi pubblici. Non solo. Sono stati eseguiti anche altri due arresti (oltre a quello di Treia).

Nella giornata della vigilia di Natale i carabinieri della Stazione di Corridonia hanno rintracciato un italiano del posto di 47 anni: era ricercato da quando nei suoi confronti era stato emesso dal Tribunale di Sorveglianza di Ancona un ordine di carcerazione per una pena residua di sei mesi di reclusione per reati di truffa. Alle prime luci dell’alba di ieri, invece, i carabinieri della Stazione di Montecassiano insieme ai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile hanno ritracciato e arrestato un marocchino 45enne, deve scontare sette mesi di reclusione per lesioni aggravate e resistenza a pubblico ufficiale.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA