​Cade da circa un metro, autista di 46 anni batte il capo contro una grata e muore

Mercoledì 11 Novembre 2020 di Carla Passacantando
Gianluca Vecchiotti

TOLENTINO - Gianluca Vecchiotti aveva 46 anni e viveva a Sarnano. L’uomo, che di mestiere faceva l’autista, martedì sera poco prima delle 19.30 durante le fasi di svuotamento di un pozzetto di acque reflue all’interno di un’azienda agricola a Tolentino, per cause in corso di accertamento ha perso l’equilibrio ed è caduto rovinosamente a terra dall’altezza di circa un metro. Nella caduta ha battuto violentemente contro la grata metallica di chiusura del pozzetto, il colpo ha provocato l’immediato decesso dell’autista.

 

 
Sul posto sono arrivati gli operatori del 118 di Macerata, ma per l’autista non c’è stato nulla da fare. Sul luogo dell’incidente sono giunti anche i carabinieri della Compagnia di Tolentino per effettuare i rilievi e gli accertamenti in modo da ricostruire l’esatta dinamica della morte del quarantaseienne e le cause che l’hanno provocata. Intervenuti pure il medico legale, il personale del servizio prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro dell’Asur per far luce sulle cause del decesso.
La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale civile di Macerata in attesa dell’autopsia disposta dal magistrato di turno che dovrebbe essere eseguita nella giornata di oggi. Una volta effettuato l’esame autoptico la salma verrà riconsegnata ai familiari per procedere con il rito funebre che ancora non è stato fissato. La notizia della scomparsa del quarantaseienne ha destato molto scalpore a Tolentino e a Sarnano dove l’autista viveva insieme ai genitori.
Gli amici lo ricordano come un grande lavoratore. Per tutti era una persona disponibile e sorridente. Oltre al lavoro e alla famiglia, Vecchiotti aveva la passione del fuoristrada, tanto che faceva parte di un gruppo di amatori di Sarnano.
 

Ultimo aggiornamento: 22:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA